Roma Calcio » AS Roma News » Roma, Borriello fuori squadra per colpa di…. Fiorello

Roma, Borriello fuori squadra per colpa di…. Fiorello

La societa’ avrebbe costretto Luis Enrique a non utilizzare l’attaccante a Firenze per punirlo della partecipazione allo show del comico siciliano

Borriello e Fiorello durante lo show "Il piu' grande spettacolo dopo il week end''

ROMA BORRIELLO FUORI SQUADRA PER COLPA DI FIORELLO / ROMA – Una tra le tante critiche mosse a Luis Enrique dopo la sonora batosta di Firenze, e’: essendo indisponibili sia Osvaldo che Borini, perche’ lasciare Borriello a casa? Il risultato si e’ visto: nessuna punta di peso li’ davanti e tutto piu’ facile per Boruc. Ma la colpa e’ davvero dell’allenatore asturiano e della sua scarsa intesa con l’attaccante campano? Sembrerebbe di no, almeno stando a quanto riporta l’edizione on line del quotidiano Repubblica. Borriello non sarebbe partito con la squadra a Firenze perche’ la dirigenza (e non Luis Enrique) ha voluto punirlo per aver partecipato alla prima puntata dello show Il piu’ grande spettacolo dopo il week end. Ma sveliamo tutto il retroscena. Stando a quanto riferito da Repubblica.it, in realta’ Fiorello aveva invitato Bojan ed insieme avevano preparato uno scatch in cui avrebbero preso in giro, bonariamente, Luis Enrique. Poi, pero’, la mattina stessa della messa in onda, la dirigenza giallorossa ha vietato allo spagnolo di presenziare allo spettacolo. Sia gli organizzatori del programma che lo stesso conduttore non l’avrebbero presa bene: il numero era gia’ stato preparato e si doveva assolutamente trovare una soluzione. La sorpresa piu’ grande e’ arrivata la sera stessa, quando davanti agli occhi di circa 12 milioni di italiani, Borriello e’ salito sul palco all’insaputa di Baldini e Sabatini. Da qui la decisione di punire l’attaccante. D’accordo, e’ importante che ci sia comunicazioni tra la societa’ ed i propri calciatori e che quest’ultimi non facciano di testa loro. Ma, una volta, tanto, non si potrebbero lasciar da parte le contese personali, le ripicche, e pensare al bene della squadra?

Marco Pennacchia