Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Roma, Galli: “Coppa Italia unico modo per vincere un titolo”

Roma, Galli: “Coppa Italia unico modo per vincere un titolo”

Parla l’ex numero uno di Fiorentina, Milan e Napoli

Giovanni Galli

ROMA INTERVISTA GALLI / WEB – Giovanni Galli, ex portiere della Fiorentina nonché di Milan e Napoli, intervistato da un noto sito web ha parlato della sfida di questa sera tra la Roma e i viola. Ecco le sue dichiarazioni:

Che ne pensa della Coppa Italia?  Ultimamente è un po’ troppo snobbata?
È una cultura nostra che è del tutto sbagliata. E’ pur sempre una coppa nazionale che dovrebbe essere rispettata di più e resa molto più importante e accattivante”.

Capitolo Roma?
Stasera è una partita che comincia ad essere annoverata nell’albo degli scontri veri nel vero senso della parola. La Roma ha tutta la volontà di continuare ad andare avanti, vista l’eliminazione dalla Europa League, in più ha solo due competizioni: in campionato è un pò attardata, ma sta cercando di recuperare. L’unica via per vincere un titolo è la Coppa Italia. Quella di questo anno è una Roma che sta iniziando a capire i meccanismi e la mentalità che desidera il suo allenatore, ora c’è la disponibilità da parte dei giocatori, cosa che all’inizio probabilmente non c’era. Luis Enrique è un ottimo allenatore, l’ho conosciuto, ed è anche un ottima persona”.

Capitolo Fiorentina?
La Fiorentina domenica ha fatto una buona partita, ma è sicuramente in grande difficoltà per quanto riguarda l’organico. Tutti sappiamo che i risultati positivi portano entusiasmo, a Novara diciamo che è stata una prova facile, ma stasera è un test veramente importante per tutti, anche in vista di quel che potrà essere il proseguo del campionato”.

Un commento sulle illustri cessioni di Borriello e Gilardino?
Mi sembra molto chiaro che le caratteristiche di Borriello, non rientrassero nelle caratteristiche dell’attaccante che voleva Luis Enrique. Ci sono stati dei momenti in cui nonostante non ci fosse Osvaldo, lui stava fuori ugualmente. E’ stata una cessione necessaria e credo che la Roma in questo momento per sostituirlo, pensi ad un giovane di grandi prospettive. La Fiorentina invece, credo stia riflettendo, perché quella di Gilardino era un operazione da fare assolutamente, forse è stata fatta con sei mesi di ritardo e con dispiacere. Io avrei preferito che arrivasse prima un attaccante”.

Un pronostico per questa sera? 
Logicamente se dovessi parlare con il cuore dico Fiorentina, perché sono cresciuto con la maglia viola e sono un tifoso. Speriamo che la Fiorentina faccia una bella partita, ma se dovessi giocare un euro, punterei sulla vittoria della Roma“.

Marco Decrestina