Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Roma, Parla l’agente di Fabio Borini

Roma, Parla l’agente di Fabio Borini

Il procuratore del giallorosso si esprime su vari aspetti che legano il suo assistito  alla squadra della Capitale

Fabio Borini

MARCO DE MARCHI BORINI / WEB – Lunga intervista di calciomercato.it all’agente del calciatore Fabio Borini, Marco De Marchi.

CONVOCAZIONE IN NAZIONALE: “Ovviamente è una soddisfazione enorme, perché quando un giocatore entra a far parte della Nazionale maggiore centra un obiettivo. E’ un ragazzo di soli vent’anni, si sta ritagliando uno spazio importante e siamo contenti. Non è un punto d’arrivo: nel dna di Fabio c’è la cultura del lavoro, di migliorare ogni giorno. Non legge i giornali, non dà retta alle voci“.

ATALANTA ROMA: “Purtroppo si sente coinvolto nella prestazione negativa: non è bastato il gol a renderlo felice. D’altro canto, la convocazione in Nazionale è una delle più belle notizie che potessero arrivare. Borini ha un impressionante equilibrio interiore, vive le situazioni con estrema tranquillità nel bene e nel male“.

DERBY: “Il derby arriva in un momento particolare con molte pressioni. Per prepararlo non c’è altra possibilità che lasciare i giocatori tranquilli, perché gli stimoli non mancano. Bisogna dimenticare in fretta le polemiche e preparare questa importante partita. Fabio andrà in Nazionale adesso, poi si tufferà nella preparazione della stracittadina“.

LUIS ENRIQUE: “Non ho parlato del caso De Rossi con Fabio, ma vedo un tecnico coerente con le sue idee, che porta avanti un progetto interessante con giovani di qualità. Sta costruendo qualcosa di importante, ma magari riscuotere subito successi...”.

MILAN JUVENTUS: “Nel 2012 non posso pensare che non si riesca a trovare una soluzione quando il pallone varca la linea di porta. Capisco un fuorigioco non visto, un rigore non dato: sono attimi. Ma quando la palla entra in porta bisogna dare il gol, per cui inventiamoci qualcosa. Non credo che la tecnologia oggi non riesca a mettere a disposizione un sistema che faccia vedere se si tratta di gol o meno“.

 

Sara Mascigrande