Roma Calcio » AS Roma News » Serie A, Nela: “Terzo posto non è mai stato un obiettivo della Roma”

Serie A, Nela: “Terzo posto non è mai stato un obiettivo della Roma”

L’ex difensore a ruota libera sul club giallorosso

Sebino Nela

ROMA INTERVISTA SEBINO NEA / WEB – L’ex giallorosso Sebino Nela, intervistato in esclusiva da Romanews.eu, ha parlato della Roma e dello stato in cui versa la squadra di Luis Enrique. Ecco le sue dichiarazioni:

Cosa ne pensa della Roma e come si spiega il calo delle ultime tre partite?
“La squadra non riesce ad essere continua come ha detto lo stesso Luis Enrique. Ieri sicuramente è stata una partita strana in cui la Roma ha concesso molto all’avversario, forse troppo. Ci sono stati molto errori e giocando così può perdere contro chiunque”.

I tifosi sono spazientiti. Forse si aspettavano anche qualcosa di più dal mercato invernale. Giusto prendersela contro dirigenza e allenatore?
“Chi ha accettato questo progetto all’inizio della stagione sapeva che poteva essere un’annata particolare. Era immaginabile che durante il campionato potesse sorgere qualche problema. La squadra si era ripresa dopo un inizio non brillante, ora stanno arrivando altri risultati negativi e se non c’è continuità si complica tutto. I tifosi vogliono sempre il massimo, vorrebbero di più ma non so se questo sia il momento di criticare. E’ un momento delicato e io starei dalla parte della squadra e dell’allenatore. Luis Enrique ha fatto capire quale è la sua filosofia, può piacere o no. A me personalmente piace poi però ci vogliono anche i calciatori, e serve tempo per lavorare. Non so cosa serva alla Roma, ma bisogna stabilire un obiettivo e individuare calciatori veramente utili alla causa e che possano aiutare a fare il salto di qualità. Se bisogna fare mercato solo per il gusto di comprare, meglio stare fermi”.

Sabato all’Olimpico arriva l’Inter di Ranieri: è l’ultima chance di agguantare il 3° posto per la Roma?
“Io non credo che negli obiettivi della società ci fosse il 3° posto. Credo che questo doveva essere un campionato di crescita tecnica e tattica e di crescita dei giovani che sono arrivati. Sarebbe stato folle secondo me progettare o avere un obiettivo dopo un cambiamento così radicale sia societario che tecnico. Con l’Inter sabato può succedere davvero di tutto. Anche la formazione di Ranieri ieri sera ha mostrato i propri limiti, non è in un momento felice. Si affrontano due squadre con dei problemi. I nerazzurri venivano da una buonissima striscia positiva, poi la battuta d’arresto a Lecce e il pareggio col Palermo. Se le difese di Roma e Inter continuano a sbagliare non so che risultato ne possa venir fuori da questa sfida. Vincerà chi sbaglierà di meno”.

 

 

Marco Decrestina