Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Novara, Rinaudo su Totti: “Ci sono bandiere che andranno per tutta la vita avanti ed è giusto così”

Novara, Rinaudo su Totti: “Ci sono bandiere che andranno per tutta la vita avanti ed è giusto così”

Il calciatore dei prossimi avversari della Roma si esprime riguardo la squadra giallorossa, il suo allenatore e il capitano

Leandro Rinaudo in un'azione di gioco

ROMA NOVARA RINAUDO / WEB – Anche il difensore Leandro Rinaudo, è stato intervistato in vista della partita tra la Roma e il Novara. Queste le sue dichiarazioni ai microfoni della trasmissione “La città nel pallone“.

Come state preparando la partita?
“Sicuramente la stiamo preparando nel migliore dei modi, perché siamo consapevoli che non abbiamo più tempo per fermarci e abbiamo bisogno di punti contro qualsiasi squadra a partire da domenica. Sappiamo di incontrare una grande come la Roma, ma il tempo sta stringendo e per raggiungere un l’obiettivo sarà importante fare punti anche contro la Roma. Sarà difficile, ma da parte nostra ci sarà quella cattiveria e quella voglia di fare risultato perché per noi è importante”.

Idea su Luis Enrique?
“Penso che alla fine è un allenatore che ha portato delle innovazioni in Italia. Purtroppo non c’è la pazienza e ci si butta subito a fare commenti negativi, ma è normale che a Roma ci sia la voglia di raggiungere dei risultati importanti come in tutte le grandi piazze”.

Si parla della gara nello spogliatoio?
“Ci sono dei ragazzi di Roma e alla fine per loro sarà normale sentirla un po’ di più, ma la cosa fondamentale per noi è cercare di scansare tutti i pensieri per fare risultati. Bisogna eliminare i sentimenti e cercare i punti che ci porterebbero a questo sogno che per noi è la salvezza”.

Un ricordo di Totti e Baggio?
“Non sono io a dire delle cose solamente positive su di loro: Baggio ha scritto e Totti continua a scrivere la storia del calcio. Ho avuto la fortuna di giocare anche con Del Piero e sono delle bandiere che andranno per tutta la vita avanti ed è giusto così perché ci hanno regalato delle gioie e dei bei momenti”.