Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Novara, Tesser: “Con una squadra più forte devi giocare compatto e solido dietro”

Novara, Tesser: “Con una squadra più forte devi giocare compatto e solido dietro”

In vista della sfida di domenica contro la Roma, l’allenatore della squadra piemontese parla per una famosa radio romana

Il tecnico del Novara, Attilio Tesser

ROMA NOVARA TESSER / WEB – Il tecnico del Novara, prossimo avversario della Roma, è stato intervistato ai microfoni della nota emittente radiofonica romana Rete Sport.

Queste le parole di Attilio Tesser:

Il Novara in attacco sembra essere cambiato. Cosa ha portato il mercato?
Stavamo meglio prima, paradossalmente. Eravamo terzultimi a Natale, mai un momento di crisi, mai tre partite consecutive perse. Sono arrivati giocatori di esperienza, ma che non giocavano da un anno nelle squadre in cui militavano. L’inserimento non è stato facile, il Novara era in fase calante. Mascara e Caracciolo sono di valore indiscutibile, la loro esperienza può darci molto“.

Che squadra arriva all’Olimpico? Come state?
La squadra sta bene, adesso ho sentito anche altri colleghi giornalisti che mi hanno parlato delle assenze della Roma. Però a me manca Rigoni, il mio cannoniere e regista. Per noi Marco è un punto di riferimento fondamentale. Ho perso Pesce, Radovanovic. Mi è rimasto Porcari a centrocampo. Quindi anche noi abbiamo0 qualche problema di formazione, ma veniamo a Roma in una buona condizione fisica e mentale. Spero non abbiano un impatto negativo con l’Olimpico“.

Con la Lazio il Novara non entrò in campo…
La nostra peggiore prestazione di tutto il campionato, eravamo bloccati. L’aspetto emotivo giocò un ruolo fondamentale, abbiamo subito l’impatto dell’Olimpico. Abbiamo lasciato l’iniziativa a loro, non dovremo farlo con la Roma, che segna tantissimo nei primi minuti”.

Con le dovute proporzioni, il Novara deve fare la gara che ha fatto il Milan con il Barcellona?
E’ un atteggiamento fondamentale: per sperare di competere con una squadra più forte devi giocare in quel modo, compatto e solido dietro“.

Caracciolo, ha spesso sfiorato il salto di qualità
Un grande ragazzo, ha delle qualità indiscutibili. Può fare sponde, ha un buon dribbling, non è rapido ma si muove benissimo per il fisico che ha. Deve però avere più cattiveria, è la qualità che potrebbe portarlo ad arrivare ad un livello superiore“.