Roma Calcio » AS Roma News » Novara, Tesser: “Le assenze della Roma non peseranno, Totti non si discute”

Novara, Tesser: “Le assenze della Roma non peseranno, Totti non si discute”

L’intervista del portale PagineRomaniste.com all’allenatore del Novara prossimo avversario in campionato del club giallorosso

Il tecnico del Novara Attilio Tesser

ROMA NOVARA TESSER INTERVISTA / WEB – Il portale  PagineRomaniste.com ha intervistato Attilio Tesser, tecnico del Novara che domenica prossima affronterà la Roma per la trentesima giornata di campionato. Tesser è stato richiamato dalla dirigenza piemontese dopo che un mese e mezzo fa era stato accantonato per dar spazio a Mondonico.

L’intervista a Tesser:

Totti è la storia della Roma, ma contro il Milan non ha brillato. Sono affiorate critiche dalla stampa e anche da alcuni tifosi. Lei che ne pensa?
“Francesco è un grandissimo giocatore e non si discute. Non trovo giuste queste critiche. È normale che sia stanco, ma rimane il giocatore simbolo della Roma. Non dico altro“.

 In quest’utlima giornata di campionato abbiamo assistito alle ennesime sviste arbitrali. Si parla tanto della moviola in campo, potrebbe essere d’aiuto?
“Io non sono favorevolissimo alla moviola in campo. Ma si dovrebbero sfruttare le tecnologie che ci sono per giudicare nel miglior modo possibile, ad esempio, se il pallone supera la linea di porta o meno. Per il resto no, sono contrario. Deve esserci solo grande attenzione da parte di tutti e tutti devono fare le cose per bene. Il calcio è sempre stato questo”.

Contro il suo Novara la Roma avrà molte assenze (Totti, Borini,Heinze, ecc..). Come affronterà la gara di domenica la sua squadra? Sceglierà una tattica particolare ?
“Io penso che alla Roma possa mancare qualsiasi giocatore, chiaramente importante come lo stesso Borini, ma ne ha altri di altrettanto spessore, quindi direi che non è un problema. Anche il Novara ha i suoi 3-4 assenti. Tra i più importanti Rigoni. Ma questo non conta. Come ho detto prima, la Roma rappresenta una delle squadre più grandi del calcio italiano e data la nostra posizione in classifca non possiamo permetterci nessun calcolo. Noi dobbiamo venir lì cercando di fare il meglio possibile”.