Roma Calcio » AS Roma News » Primavera, le pagelle di Juventus-Roma 1-2

Primavera, le pagelle di Juventus-Roma 1-2

I voti alle prestazioni dei giovani giallorossi vittoriosi sul campo della Juve nell’andata della finale di Coppa Italia di categoria

Federico Viviani tra i migliori in campo

PAGELLE JUVENTUS-ROMA PRIMAVERA / WEB – Il day after di Juventus-Roma di Tim Cup Primavera vede finalmente la felicità sul volto del gruppo di Alberto De Rossi, vittorioso per 2-1 allo Juventus Stadium di Torino nell’andata della doppia finale del trofeo giovanile. I giallorossi si sono presi una momentanea rivincita dopo la sconfitta nell’ultimo atto del torneo di Viareggio di circa un mese fa, potendo così partire con un discreto vantaggio per la gara di ritorno dell’Olimpico prevista per il 22 marzo.

I voti dei giallorossi:

PIGLIACELLI 7,5: Decisivo in più occasioni nell’evitare la possibile rimonta juventina, affidabilissimo.

NEGO 6,5: Riportato sulla fascia di vera competenza si applica con pacatezza e giusto equilibrio.

ORCHI 6: Soffre certe ripartenze veloci degli avversari ma se la cava nel complesso.

ROMAGNOLI 6,5: Il più giovane in campo ma non si sente, manca qualche pallone aereo ma è bravo negli anticipi.

BARBA 6: Non spinge molto sulla sinistra e tende a nascondersi troppo.

VIVIANI 7: Personalità sia in mezzo al campo sia nel trasformare il rigore del vantaggio.

VERRE 6,5: Non fa cose eccezionali ma gioca con decisione e vigore fisico.

POLITANO 6: Parte bene con qualche buona sgroppata, poi cala alla distanza.

CICIRETTI 6,5: Mostra buone doti di palleggio ed inserimento senza palla. Dal 53′ Cittadino 6: Copre discretamente senza strafare.

PISCITELLA 6: Gioca solo un tempo, molto attivo ma poco concreto. Dal 46′ Frediani 6: Qualche spunto interessante ma è poco supportato.

TALLO 6,5: Gol del raddoppio da vero bomber, lavoro importante ma confuso nel far salire i compagni. Dall’86’ Leonardi sv.

DE ROSSI 7: Rinvigorisce i suoi ragazzi dopo la batosta del Viareggio, decisiva la partenza sprint nel primo tempo.

Keivan Karimi