Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Roma Channel, l’intervista a Fabio Borini

Roma Channel, l’intervista a Fabio Borini

L’attaccante giallorosso ha risposto alle tante domande dei giornalisti del canale Roma Channel

L'attaccante giallorosso Borini

ROMA FABIO BORINI ROMA CHANNEL / ROMA – Fabio Borini, attaccante giallorosso, ha lasciato le seguenti dichiarazioni nel corso di un’intervista al canale Roma Channel:

Come stai?

“Bene, mi trovo bene. Non pensavo di avere un adattamento così veloce qui. E’ sempre stato difficoltoso cambiare squadra ed adattarsi, ma mi sono sempre trovato bene sia con la società che con i compagni”.

Il tuo segreto è l’ambizione?

“Sicuramente, voglio sempre raggiungere qualcosa in più”.

Che significa essere l’uomo del momento?

“Non è così, faccio gol per la costruzione che c’è dietro. Il mio compito è finalizzare quel che costruiamo a partire dal portiere. Mi fa piacere questo appellativo, ma non è così”.

La tua storia parte da molto lontano: a 16 anni fai una scelta complicata e vai via…

“Si ci fu una riunione di famiglia, ma anche senza sarebbe stato uguale. I miei mi hanno lasciato totale libertà, credo che dovrebbero farlo tutti i genitori nei confronti dei propri figli. Io ero sicurissimo di quello che stavo facendo”.

Avevi un minimo di paura?

“Sicuramente si, soprattutto per la nuova lingua. Io venivo dal Bologna e andare al Chelsea era un passo grande: al Bologna avrei avuto più certezze di crescita, ma ho scelto un’altra strada. Ho scelto di crescere di più come uomo e apprendere dall’esterno”.

Esperienza che ti ha reso più grande un po’ prima?

“Si, lo dico sempre anche ai miei amici. Andare via in questo aiuta”.

Ti ricordi il tuo debutto?

“Si, partita importante col Tottenham. Sono entrato in campo in una situazione vantaggiosa, vincevamo 3-0. Ho giocato 10 minuti e sono uscito con i crampi per l’emozione che avevo”.

Ci parli di Ancelotti?

“Ha sempre avuto stima di me, rivede un po’ di Inzaghi. Gli piace uno voglioso, che non si fermava nemmeno di fronte a Terry, Che guardava se stesso senza guardare gli altri. E’ un bravissimo allenatore e lo ha dimostrato ovunque…”

Poi con lo Swansea hai dato tutto te stesso

“Si avevo gran voglia di esplodere e tirare fuori tutto quello che avevo mandato giù. Sapevo che per meritarmi il rinnovo dovevo fare tanto. Essere fuori rosa per un problema contrattuale non è stato facile”.

Poi quella tua punizione…

“Si avevo proprio bisogno di quel gol, per fare un passo successivo e continuare a fare bene”.

Hai trascinato lo Swansea verso la promozione. Sono diventate famose le tue punizioni, per cui ti sei allenato con Drogba…

“Si, anche ora provo tutti i giorni questo tipo di punizione con portnere è barriera. Non è un gesto tecnico facile e se non ti alleni quotidianamente rischi di perderlo. Quando è possibile la provo in allenamento, anche se qui ci sono ovviamente calciatori migliori, come Pjanic e Francesco”.

Ecco hai anticipato la mia domanda. Hai mai provato a calciare?

“Ci proviamo! (ride) ma sappiamo che Totti comanda ed è giusto che sia così”.

Tornato a Parma, cosa provavi?

“Non ero deluso dell’esperienza inglese: in 4 anni penso di avere dato tutto e avere ricevuto quello che potevo. Col Chelsea ho vinto qualcosa, anche se non da protagonista e con lo Swansea ho dato il mio contributo. Andare a Parma per me significava scendere di uno step per giocare, per poi provare a risalire”.

Molti ti paragonano a Inzaghi, ma tu come ti descrivi anche dal punto di vista tecnico?

“Un tassista mi ha detto che si è ricreduto: non credeva fossi forte tecnicamente. E’ che quando lavori tanto e corri, a volte arrivi stanco sul pallone e di questo può risentire la tecnica. Io però non credo sia un limite, bisogna lavorare tecnicamente sulla fatica”.

Sei stato accostato anche a Delvecchio e a Kuytt.

“L’olandese corre tantissimo! Delvecchoi è stato importantissimo per la Roma e Inzaghi ha vinto tantissimo. Sarebbe un bel mix, prenderei volentieri qualcosa da tutti loro”.

Poi le soddisfazioni anche con la Nazionale. Che hai pensato?

“Mi faceva strano essere lì con i grandi nomi come Buffon e gli altri. Anche se ho lavorato per arrivarci e per me la Nazionale è il massimo degli obiettivi, faceva strano perché credevo ci sarebbe stato divario. Invece mi sono trovato molto bene. E’ un obiettivo fondamentale e può farmi cerscere parecchio. Andare all’Europeo sarebbe fantastico: diciamo che ci penso abbastanza da provarci!”

Il tuo primo contatto con la Roma?

“Avevo sentito delle voci anche prima di andare a Parma, ma avevo già preso la mia decisione e non si poteva fare niente. Poi proprio il 31 agosto c’è stato il primo contatto ufficiale e si è aperto tutto”.

Sabatini è sembrato molto soddisfatto di averti preso. Hai notato la sua contentezza?

“Si mi ha sempre dimostrato molto sostegno. Anche quando ero infortunato è sempre stato dalla mia parte. E’ mlto positivo e mi dà suggerimenti, mi consiglia come migliorare e mi parla della piazza di Roma. Avere alle spalle così tanta sicurezza anche dall’alto aiuta”.

Ti ha definito: ‘L’attaccante che ci manca’…

“Siamo tanti, ma siamo tanti diversi: io attacco lo spazio, Erik preferisce palla sui piedi, Osvaldo è fortissimo tecnicamente e Bojan è molto rapido”.

Stai vivendo un momento incredibile e la tua esultanza è quella dei tifosi della Roma…

“Fa piacere, vuol dire che ai tifosi piace.Heinze e Juan mi hanno raccontato che i loro figli hanno fatto la mia esultanza e loro li hanno messi in punizione! (ride)”

VEDE UN VIDEOMESSAGGIO DI DUE TIFOSI

“Mi impressiona ancora venire fermato per strada: ancora non mi aspetto di essere visto come una persona importante. Fa impressione, ma sicuramente positiva”.

Hai fatto tanti gol. Se non ti fossi infortunato?

“Non ci ho mai pensato…”

Vivi in una famiglia di sportivi. Ti hanno insegnato il sacrificio?

“Si, molti mi hanno preso in giro quando ho detto che mio padre correva i 400, visto che lo ha fatto per due anni. Mia madre è appena tornata dai 100km nel Sahara e mia sorella fa atletica. Mi hanno trasmesso tanto come voglia e spirito di sacrificio”.

Che tipo sei fuori dal campo?

“Molto tranquillo: il classico ragazzo di vent’anni che vuole vivere le proprie cose. Quando torno a casa mi inserisco sempre nei programmi dei miei amici e faccio una vita ‘normale’ come se non giocassi a calcio”.

Si parla molto di Borini dal punto di vista caratteriale e si parla di una tua battuta fatta sull’arrivo ai ritiri…

“Non c’era alcuna malizia”.

Noi ti vediamo sempre ridere e scherzare con i compagni…

“Molti non mi conoscono, non sanno come sono fatto. La mia parte privata in campo non si vede, in campo sono diverso: faccio il mio dovere e lo faccio nel miglior modo possibile. La mia parte privata non la esterno mai e loro devono provare a tirarla fuori, cercando di tirare fuori risposte o cose che non arrivano. Io so come sono fatto e non aiuto a tirare fuori aspetti privati”.

Puoi anche andare a cena da solo quindi…

“Si (ride) Avevo già programmato un’altra cena. Non sono quelli i problemi di una squadra…”

Dopo il tuo ultimo gol Daniele ti ha quasi fatto male

“(Ride) Un mio amico è talmente suo tifoso che si inchina ogni volta che segna. Lui in campo ti carica e ti dà tantissimo”.

Questa nuova società ragiona in grande. Che idea ti sei fatto? Hai già parlato con qualcuno?

“Il progetto e le idee sono sivcuramente valide. Al Chelsea c’erano le stesse idee di innovazione e sono buonissime e di grande auspiscio per il futuro. NOn ho ancora parlato con gli americani, anche se con l’inglese potrei farlo abbastanza facilmente”.

Questa città non ha tanto equilibrio. Come vedi la stagione?

“Mi sono esternato da radio, giornali e tv. Spesso non seguo nemmeno le conferenze stampa del mister: mi esterno molto e guardo poco la classifica. Conta la singola partita. Questo è stato un campionato altalenante sia per noi che per altre squadre, vedi la Juve o l’Udinese. E’ molto strano e bisogna ragionare partita dopo partita”.

Luis Enrique è un allenatore molto diverso?

“E’ giovane rispetto ai colleghi ed ha sicuramente idee nuove. Ha giocato a grandi livelli fino a non tanto tempo fa ed ha ancora nel sangue il ritmo del calcio: sa cosa pensano i giocatori e cosa vogliono perché era nella stessa posizione. Essendo spagnolo ha qualcosa in più da dare. E’ un mister bravissimo e molto disponibile con noi”.

A Genova il tuo primo gol. Quando sei cambiato dopo questi mesi?

“Io per niente, sono cambiati i numeri, ma quelli non cambiano le persone, cambiano solo le statistiche”.

Magari a maggio ci diamo un nuovo appuntamento sperando in altri tuoi gol…

Speriamo!

 

Andrea Tocci