Roma Calcio » AS Roma News » Roma – Genoa, all’andata Borini segno’ il primo gol con la maglia della Roma

Roma – Genoa, all’andata Borini segno’ il primo gol con la maglia della Roma

Si giocava a Marassi nel turno infrasettimanale: la prima rete in giallorosso di Borini non e’ servita ad evitare la sconfitta

L'esultanza di Fabio Borini dopo il primo gol segnato in giallorosso

ROMA GENOA ANDATA BORINI PRIMO GOL MAGLIA DELLA ROMA / WEB – Era il 26 Ottobre del 2011 quando la Roma e’ scesa in campo allo stadio Marassi di Genova per affrontare i rossoblu’ nella nona giornata di campionato. Questi gli schieramenti:

Genoa (4-3-1-2): Frey, Mesto, Dainelli, Moretti (1′ st, Bovo), Antonelli, Rossi, Seymour (10′ st Kucka), Veloso, Merkel, Jankovic (26′ st Constant), Palacio. A disp: Lupatelli, Granqvist, Jorquera, Caracciolo. All: Malesani.

Roma (4-3-3): Stekelenburg, Perrotta (26′ st Borriello), Burdisso, Heinze, Jose’ Angel, Pizarro (13′ st Osvaldo), De Rossi, Gago, Bojan, Lamela (13′ st Greco), Borini. A disp: Curci, Cassetti, Juan, Taddei. All: Luis Enrique.

Come spesso e’ accaduto in questa stagione, anche a Genova la Roma ha fatto la partita ma non ha saputo sfruttare le occasioni a sua disposizione. C’e’ anche da dire che i giallorossi hanno trovato un Frey in ottime condizioni: spettacolari le sue parate su due colpi di testa, uno di Lamela ed un altro di Gago. Al 38′, pero’ e’ stato il Genoa a passare: nemmeno a dirlo la Roma si e’ fatta trovare scoperta in contropiede e Palacio e’ stato abile ad inserirsi in area di rigore per poi servire all’indietro per Jankovic che, con un preciso diagonale, ha trafitto Stekelenburg. Gli ospiti hanno trovato il meritato pareggio all’82’, quando Borriello ha fatto partire un cross alto dalla destra per Borini che, da due passi, ha insaccato al volo. Si e’ trattato della prima marcatura in giallorosso per il giovane di Bentivoglio. La beffa, pero’, e’ arrivata lo stesso per la Roma: al 90′, il cross di Veloso dalla bandierina ha trovato libero, sul secondo palo, Merkel, che, di testa ha mandato il pallone sullo stinco di Kucka e quindi alle spalle di Stekelenburg.

Marco Pennacchia