Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Roma – Lazio, Taddei: “ora i tifosi saranno arrabbiati ma abbiamo bisogno di loro”

Roma – Lazio, Taddei: “ora i tifosi saranno arrabbiati ma abbiamo bisogno di loro”

Il terzino giallorosso si esprime in merito alla sconfitta nel derby pomeridiano all’Olimpico

Il terzino giallorosso Taddei (Getty Images)

ROMA SERIE A ROMA – LAZIO DERBY RODRIGO TADDEI REJA EUROPA LEAGUE / ROMA – Rodrigo Taddei, terzino della Roma, ha risposto alle domande dei giornalisti nel post-partita del derby perso contro la Lazio di Edy Reja:

Peccato aver perso così, la Roma prende gol evitabili

Sicuramente, potevamo fare di più, però l’arbitro ha buttato fuori subito il nostro portiere. Poi sul pareggio era da buttare fuori Biava già ammonito ha abbracciato Totti. Uno pensa a non lamentarsi però siamo stati danneggiati. Ci tenevamo al derby, abbiamo lottato fino alla fine

Alla fine la Roma ha fatto tantissimi errori di passaggio

E’ normale che dopo un pò i tifosi si lamentano, perdi un derby e mancano 5 minuti, qualche palla in più in area potevamo metterla, ma era molto difficile e non volevamo buttare palla così a caso. Cercavamo di trovare lo spazio giusto, però sicuramente siamo arrivati lì meno di quel che potevamo

L’arbitro quanto ha inciso e quanto voi giocatori? Con chi siete arrabbiati?

Prima di tutto con noi perchè all’inizio vevamo detto di essere concentrati su quel che dovevamo fare, però poi hai 85 minuti in 10. Siamo riusciti a pareggiare e abbiamo provato a giocare ma non è stato possibile. Ci dispiace per noi e per i tifosi che ci tenevano tantissimo a quest derby

Forse nel secondo tempo con un pò di furbizia potevate far espellere i difensori ammoniti

Si abbiamo fatto così, non sapevamo però che regolamento stava applicando l’arbitro. Non è una scusa. Non ci piace però essere trattati così ogni volta. Fuori dal campo tutte le squadre vanno dall’arbitro a massacrarlo, noi siamo troppo buoni e questo deve cambiare perchè ogni volta la Roma è danneggiata. Sta diventando una cosa triste e monotona, soprattutto per noi che lavoriamo tutta la settimana

Ora l’Europa League diventa l’unica missione possibile

Dobbiamo cambiare marcia, sappiamo cosa vogliamo fare, ora i tifosi saranno arrabbiati ma abbiamo bisogno di loro, sono il nostro 12/esimo giocatore in campo”.

 

Andrea Tocci