Roma Calcio » A- Senza categoria » Barcellona, L’addio di Pep Guardiola

Barcellona, L’addio di Pep Guardiola

Ormai è ufficiale, il tecnico dei blaugrana saluterà il club catalano a fine stagione

Abbraccio tra Pep Guardiola e il presidente del Barcellona Sandro Rosell

BARCELLONA GUARDIOLA / WEB – Non sono bastate tre ore di colloquio con il presidente Sandro Rosell per convincere Pep Guardiola a restare sulla panchina del Barcellona. Il ricordo che lascerà il tecnico sarà comunque indelebile: sotto la sua guida  il club ha vinto 13 titoli su 17 disputati, tra cui due Champions League e tre volte la Liga rendendo il calcio del Barcellona il “bel calcio” per eccellenza.

Di seguito qualche stralcio della conferenza stampa da poco conclusasi:

Rosell: “Vi abbiamo convocato qui per annunciare che Pep Guardiola non sarà il tecnico del Barcellona nella prossima stagione”.

Guardiola:Non è una situazione semplice per me, proverò a spiegarvi come mi sento e cosa provo. Mi dispiace per l’incertezza che si era creata e di aver provocato dubbia lle persone che stimo. Mi dispiace se qualcuno ha messo in dubbio il mio impegno e la mia serietà. Prima di essere allenatore ho fatto il calciatore. Questa è e sarà sempre casa mia. Essere allenatore del Barcellona per quattro anni è un’eternità. (…) I giocatori sono il cuore della squadra e io sono solo un privileggiato che ho potuto allenarli in questi anni ed ho cercato di farli con il massimo impegno e la passione. Volevo ringraziarli e nessuno può capire, se non fa l’allenatore, vedere i risultati del campo come me. Ho sempre provato ad incoraggiare i miei giocatori ed unirmi a loro e avere un rapporto con loro giorno per giorno trasmettendo la mia passione. La responsabilità del mio addio è il tempo, ci vuole fatica per allenare il Barcellona e  semplicemente è finito il mio tempo. Vado via sicuro di aver fatto bene e contento. La forza di questo club lo conoscono bene tutti. Grazie a tutit non so più cosa aggiungere“.

LUNGO APPLAUSO

Il presidente annuncia che Tito Vilanova, braccio destro di Guardiola, sarà ora il nuovo tecnico.

 

Sara Mascigrande