Roma Calcio » AS Roma News » As Roma, Don Chisciotte un po’ ci mancherà

As Roma, Don Chisciotte un po’ ci mancherà

Forse l’addio era inevitabile, ma non toglie l’amarezza per come sia andata questa stagione per un allenatore stimato e ammirato da tutto l’ambiente giallorosso

Luis Enrique

LUIS ENRIQUE GARLANDO / WEB – Molto appropiata la metafora che utilizza L. Garlando sulla Gazzetta dello Sport: Luis Enrique ha attaccato i mulini con coraggio,  ma i mulini hanno vinto.

Cos’è che è andato male? Perchè i famosi mulini sono riusciti a “Agganciarlo per le braghe facendogli fare il giro: 14 sconfitte in campionato“? Secondo il giornalista la vera questione è stata l’inesperienza del tecnico alle prime armi con il mondo del calcio italiano. E’ vero che Montella ha quattro anni in meno e solo la scorsa stagione allenava i Giovanissimi. La differenza è che “Montella in mezzo alle difese italiane ci è cresciuto, le ha studiate dall’interno e oggi sa come attrezzarne una“.

Fatto è però che sebbene a cavallo del suo ronzino sconfitto Luis Enrique non è passato invano e Garlando spiega: “Ci ha ricordato che il calcio è quella cosa allegra che corre verso il gol. Da buon apostolo, ha raccontato la parabola di Guardiola: «Alla base di tutto c’è il divertimento del passaggio. Il pallone è il giocattolo: chi lo tiene di più, gode di più. (…) Che una squadra ha bisogno di regole e di rispetto. Pochi hanno compreso la durezza dello spagnolo nel punire Osvaldo, che ammaccò Lamela, e ancor meno, la rinuncia a De Rossi, colpevole di un piccolo ritardo. Semplice: è l’intransigenza dell’applicazione che rende forte la regola“.

In poche parole, “Il sospetto forte è che, sotto questo nostro cielo di sentenze poco intransigenti e di stelle ballerine, la leggerezza ideale dell’asturiano ci mancherà”.