Roma Calcio » AS Roma News » Catania, Montella stabilisce il record ma nelle ultime 10 partite solo 7 punti

Catania, Montella stabilisce il record ma nelle ultime 10 partite solo 7 punti

L’allenatore degli etnei, dato ormai ad un passo dalla Roma, ha vissuto una stagione fatta di alti e di bassi

Montella sarebbe sempre più vicino alla Roma

CATANIA MONTELLA RECORD ULTIME 10 PARTITE SOLO 7 PUNTI / WEB – Dopo la delusione per essere stato rimpiazzato da Luis Enrique, Montella non si è buttato giù ed ha fatto buone cose con il Catania. La squadra siciliana ha stabilito tre record: quello dei punti, quello delle partite vinte e quello dei gol segnati. . Per quanto riguarda il primo, i rosazzurri si sono piazzati all’undicesimo posto a quota 48: Marino, proprio l’anno scorso, ne aveva ottenuti 46 e, fino ad ora, era stato questo il miglior risultato per gli etnei. In merito, invece, al secondo traguardo, Montella ha vinto ben 12 incontri: meglio dell’ex Areoplanino ha fatto solo il Catania del 1960/1961 con 15 successi. Infine, i siciliani, in questa stagione hanno realizzato 47 gol, gli stessi messi a segno dalla formazione allenata sempre da Marino del 2006/2007: in questo caso, dunque, si tratta di un record a pari merito.

Tuttavia, la stagione di Montella non è fatta soltanto di lodi. Nelle ultime 10 giornate del campionato appena concluso, infatti, il Catania è stato capace di racimolare soltanto 7 punti. Si tratta di una media da retrocessione. Anche da dicembre a febbraio la squadra aveva avuto un calo: ben 3 pareggi e 2 sconfitte in 5 giornate.

Ora c’è da chiedersi se, effettivamente, il tecnico napoletano sia la scelta giusta per la Roma. La dirigenza lo aveva già scartato in precedenza per Luis Enrique. Ora, invece, lo sta richiamando, consapevole della sua giovane età e della poca esperienza (la stessa contestata all’allenatore spagnolo). E un tecnico di questo tipo, può garantire l’arrivo di campioni a Roma? La speranza, per i tifosi giallorossi, è che la storia di Montella possa assomigliare a quella di un Conte o di un Allegri.

Marco Pennacchia