Roma Calcio » AS Roma News » Mercato Roma, Lucchesi: ”Montella conosce l’ambiente. E’ la persona giusta”

Mercato Roma, Lucchesi: ”Montella conosce l’ambiente. E’ la persona giusta”

Parla l’attuale direttore generale del Pisa che, quando ricopriva la stessa carica a Roma, portò Montella nella Capitale

Il dirigente Fabrizio Lucchesi

MERCATO ROMA LUCCHESI MONTELLA AMBIENTE PERSONA GIUSTA / WEB – Fabrizio Lucchesi è stato il direttore generale della Roma negli anni più belli per la società: ha vissuto personalmente, infatti, le gioie del terzo scudetto romanista. E’ stato lui, inoltre, a portare Montella a Roma. In vista del probabile arrivo dell’Areoplanino a Roma, il dirigente ha rilasciato una lunga intervista alla trasmissione La città nel pallone in onda su Radio Ies:

Un commento sulla situazione?

E’ una fase fluida. Le dimissioni di Luis Enrique erano abbastanza nell’aria. E’ stata una stagione sofferta, lui ci ha messo del suo, ma le colpe non erano tutte sue. Da uomo responsabile ha trovato il modo di tirarsi fuori. Ora c’è il bisogno di sostituirlo e di farlo bene, perché in una stagione in cui è stato contestato l’allenatore, non ci si può permettere di sbagliare una scelta, per quanto sia quella più difficile. I candidati non è che erano moltissimi. Allenare la Roma non è facile, è una grande città, piazza e vetrina. Ci vuole la persona giusta. Montella conosce l’ambiente, ha fatto benissimo, è stato compagno dei leader. Certo poi tutto dipenderà dai calciatori che gli verranno messi a disposizione.

Perché nonostante l’appoggio di società e giocatori, Luis Enrique non sia riuscito a decollare? 

Io credo che sia giustissimo che la società difenda le proprie scelte. Non per ottusità, ma perché se crede in un programma di lavoro, lo si difende fino alla fine. E’ stata una scelta difficile, anche perché la Roma è stata rifondata in toto. Luis Enrique veniva da un mondo calcisticamente diverso e trovandosi in una dimensione così importante, non era facile. Tutto questo messo insieme si trasforma in risultato e quasto è un mondo in cui se vinci hai ragione, se perdi non ce l’hai mai.

Riporterebbe Montella a Roma?

Si, lo riporterei, ma non lo dico perché lo conosco da quando aveva 14 anni e io ero responsabile del settore giovanile dell’Empoli, ma perché è un uomo preparato, ha grande equilibrio, è una persona per bene che ha fatto benissimo quest’anno dimostrando grandi attitudini. Se uno vuole un allenatore giovane, è sicuramente una scelta eccellette, altrimenti bisognerebbe andare su un allenatore più navigato che ti da in esperienza, ma non da niente sul piano dell’innovazione e del gioco.

Caratteristiche di un allenatore per poter vincere a Roma?

Roma è una piazza difficile. Io sono stato fortunato e mi sono accorto di due cose: i romani vivono per questa bellissima società, ma non vogliono essere presi in giro e sentirsi raccontare storie. In questo momento credo non sia giusto buttare via tutto, ma è il momento di dare continuità ad alcune caratteristiche che ha portato Luis Enrique.

Un giudizio sul lavoro di Baldini e Sabatini?

Sono grandi attori protagonisti nel bene e nel male. Sono due persone molto preparate ed eccellenti. Ultimamente li ho visti preparati, ma questa non è stata una stagione facile. Ora il lavoro va completato e ci sarà da sbagliare poco.

Van Der Wiel?

Sono situazioni che succedono spessissimo e che qualche volta diventano di pubblico dominio. Nel mercato ce ne sono tanti di momenti in cui le trattative sembrano sfumate e poi vengono rimesse in piedi. Ci sono due voltontà: quella del giocatore e della società, oppure ci sono altre scelte di carattere sportivo. La Roma quest’anno ha meno appeal, ma rimane una grande squadra e società.

Su Totti e gli addii celebri. 

Purtroppo con l’anagrafica non ci si può litigare. Non si parla di buoni giocatori ma di campioni. Hanno dato e rimarranno nella storia. Francesco non credo che sia in questa fase, ma ha molto da dare. E’ stata una stagione difficile, ma si è comportato da persona intelligente e che vive per la Roma. Lui non ha mai creato problemi e ha accettato di stare in panchina o giocare poco. Cose che solo un campione accetta.