Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Partita del Cuore, Le dichiarazioni di Francesco Totti

Partita del Cuore, Le dichiarazioni di Francesco Totti

Carrellata delle parole del Capitano in occasione della gara organizzata per i venti anni dalla strage di Capaci

Francesco Totti intervistato da Teresa Mannino durante la partita del cuore

PARTITA DEL CUORE TOTTI / WEB – Ieri il Capitano della Roma Francesco Totti ha preso parte alla partita del cuore tra la nazionale cantanti e la nazionale magistrati organizzata per ricordare i 20 anni dalla scomparsa del magistrato Giovanni Falcone nell’attentato mafioso all’altezza di Capaci.

Nel corso della manifestazione ha rilasciato numerose dichiarazioni che vengono riportate di seguito:

Pre-partita:

Come ti senti tra i pali?
Bene”.

Non è che ora qualche allenatore ti vedrà bene in questo ruolo?
Mi manca solo quello!

Quanto manca a questa Roma per potersi presentare…
(Totti interrompe la domanda) “Non lo so, sto in vacanza”.

Dove deve rinforzarsi la Roma?
In porta!” (ride).

Puoi almeno dirci quanti acquisti ti aspetti?
100!”.

Fine primo tempo:

Sono qui con un grande portiere. Nuova carriera?
Speriamo, dai 40 anni in poi cambio ruolo!”.

Avevi mai giocato in porta?
No non lo avevo mai fatto… Giusto negli allenamenti”.

Però poi non hai resistito e hai concluso a rete
Si poi il tiro mi è scappato, ma ho saputo che non posso fare gol, quindi sarebbe stato invano”.

Importante partecipare a una serata del genere per uno che come te ha giocato la finale della coppa del Mondo?
E’ un evento importantissimo, sia per noi che giochiamo che per Palermo, città splendida. La gente ha aderito nel migliore dei modi e per me questo è il primo derby del cuore, quindi lo vivo in modo speciale”.

Stai uscendo o giochi anche il secondo tempo?
Gioco gioco”.

Post partita:

Sei stato grande anche come portiere
Molto meglio come portiere”.

Come stai?
Bene, ora ho finito definitivamente. Stacco e se ne riparlerà a Luglio, penso… Non sappiamo niente”.

Il nuovo allenatore?
Ancora non è deciso. O è deciso?”.

Dicono Montella
Non lo so, non so niente e vediamo. Aspettiamo”.

Ma quanto aspettiamo?
Lo sapranno loro e non diranno niente! (Ride) Io non so niente”.

La serata?
Iniziativa bellissima. Sono 20 anni dalla scomparsa di grandi persone e sono orgoglioso di avere partecipato. Sono veramente gratificato”.

La terza maglia che indossi, dopo Roma e Nazionale…
Quando ci sono questi eventi la maglia della Roma passa in secondo piano. Le iniziative benefiche sono molto più belle. Io non sto qui a dire quando e come la faccio, l’importante è fare beneficenza”.

Un possibile ripescaggio della Roma per l’Europa Legaue?
Non lo so. Anche qui aspettiamo di sapere quello che è successo veramente”.