Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Udinese, Pozzo: ”Non ho alcuna necessità di vendere i miei pezzi pregiati”

Udinese, Pozzo: ”Non ho alcuna necessità di vendere i miei pezzi pregiati”

Le dichiarazioni del presidente della squadra friulana sulle voci di mercato che riguardano alcuni elementi della sua rosa

Il presidente dell'Udinese Giampaolo Pozzo (Getty Images)

UDINESE POZZO / WEB – Da ormai molto tempo, i giocatori dell’Udinese sono diventati mire di molti top club. Basti pensare non solo a Di Natale, ama anche a Isla, Armero, Basta, Danilo, nomi, tra l’altro, associati anche alla Roma. La squadra friulana è diventata ormai una piacevole realtà ed è normale che i suoi elementi costituiscano un richiamo per le grandi società. Giampaolo Pozzo patron bianconero, ha rilasciato una serie di dichiarazioni al riguardo, riportate dal sito ufficiale del club:

Presidente, come ogni estate si accumulano i “rumors” di un’Udinese piatto pregiato al banchetto del mercato estivo…

Sì, lo so, ma qui si stanno facendo, come sempre, i conti senza l’oste. Premettendo che di offerte vere e proprie, concrete, qui non ne sono mai arrivate per i nostri giocatori, quello che mi preme sottolineare è che l’Udinese non ha alcuna intenzione di gettare alle ortiche quanto di buono costruito, con tanta fatica, in questi due anni. La squadra e lo staff tecnico hanno svolto un lavoro eccezionale e la società sta lavorando per mettere a disposizione, dei giocatori e dei propri tecnici, strutture, attrezzature, e un “ambiente”, sempre più moderno, efficiente e al passo con i tempi per raggiungere quello che è il nostro vero obiettivo: consolidare quel salto di qualità che abbiamo compiuto negli ultimi due anni.

Con quali strategie pensa di poterci riuscire?

Noi non abbiamo alcuna necessità o volontà di vendere i nostri pezzi pregiati. La situazione economica mondiale, tra l’altro, è sotto gli occhi di tutti e non credo che, a parte tre o quattro top club europei, ci siano così tante galline dalle uova d’oro in grado di soddisfare i nostri giocatori più di quanto potremmo fare noi, qui, a Udine. Il nuovo stadio e la Champions League – in cui abbiamo intenzione di andare il più avanti possibile – ci permetteranno di compiere quel salto di qualità, anche a livello economico, fondamentale per remunerare adeguatamente i nostri giocatori. Stiamo facendo l’impossibile per rendere l’Udinese una società di primissimo livello e i risultati ci stanno dando ragione. E’ chiaro che se viene a bussare il Real Madrid o il Barcellona è, per un giocatore, come vincere il primo premio alla lotteria. Ma io non credo proprio che club come questi siano interessati, ogni anno, ai nostri giocatori.

Secondo lei alcuni giocatori vedono ancora la piazza friulana come un trampolino di lancio per vette più alte?

E quali sarebbero queste vette? No, io credo che tutti debbano rendersi conto di come Udine stia diventando un punto d’arrivo e non di passaggio. Una realtà che dopo aver raggiunto il Paradiso vuole stabilizzarsi al top. E Di Natale è la dimostrazione palese di come all’Udinese si possa invecchiare felici, sotto ogni punto di vista, mentre girando per il mondo, si corre il serio rischio di “bruciarsi” prima e di chiudere anzitempo la propria carriera. Io porto sempre ad esempio la Sampdoria di Mantovani come la più classica dimostrazione che con la programmazione, le idee, e la serietà si possa fare di più, e meglio, che con i soldi. Siamo arrivati al terzo posto. Ci siamo qualificati per i preliminari di Champions League, e adesso vogliamo andare avanti. Tutti insieme: società e staff. Perché, ve lo assicuro, non ho alcuna intenzione di tollerare chi dovesse avere anche la minima voglia di vanificare quanto ci siamo conquistati con la serietà, il lavoro e tanto, ma tanto, sudore.