Roma Calcio » AS Roma News » 29/06/2000, Oggi 12 anni daI cucchiaio originale, il cucchiaio di Francesco Totti

29/06/2000, Oggi 12 anni daI cucchiaio originale, il cucchiaio di Francesco Totti

Al cucchiaio di Pirlo, molti se non tutti hanno ricordato il precedente di un giovane Capitano della Roma che lasciò tutti a bocca aperta

Il cucchiaio di Francesco Totti a Euro 2000

EURO 2000 ITALIA OLANDA TOTTI / WEB – Era un 29 giugno, esattamente 12 anni fa. Era tempo di Europei, quelli in Belgio e Olanda, dove proprio il padroni di casa con la maglia arancione stavano sfidando l’Italia. Nei 120 minuti di gioco non sono riusciti a far cadere il fortino costruito dai 10 uomini rimasti in campo (Zambrotta venne espulso al 33esimo del primo tempo). E quindi scattarono inesorabili i calci dagli 11 metri. Un ragazzo 24enne, fascetta bianca in testa, capelli lunghi e sorriso sornione a passi lenti si avvicina verso il dischetto. Per qualche strana ragione i compagni a centrocampo sembrano atterriti. Ma lui continua la sua marcia verso la porta di Van Der Sar senza tradire alcuna emozione. Forse già sapeva come sarebbe andata a finire quella storia, forse già sapeva che con quel calcio avrebbe fatto scuola e avrebbe avuto tanti discepoli (alcuni con esiti miserrimi come Simone Inzaghi che in un prestigioso Lazio – Reggina e sul risultato di 2-0 tenta di irridere Taibi con un cucchiaio facilmente parato).
Quel ragazzo è Francesco Totti e si presenta davanti la porta di Van Der Sar. Il portiere olandese è alto, altissimo, sembra coprire tutta la porta. Ma Francesco vuole giocare nel suo campo, quello della classe cristallina. Poggia la sfera sul gesso, poi una breve rincorsa, il pallone accarezzato delicatamente e la palla che leggera va a disegnare una parabola che fa gridare a tutti “Ma questo è matto!!“. Il pallone termina insorabilmente in rete con Van Der Sar proteso da una parte ed impotente davanti al “Cucchiaio di Totti”. Questo gesto tecnico aveva un maestro, seppur molto lontano. Si tratta di Panenka della Cecoslovacchia che nella finale del 1976 lo sferrò contro la Germania.
In questo campionato europeo sono stati calciati due rigori con il “cucchiaio”: Pirlo contro l’Inghilterra e Sergio Ramos contro il Portogallo, ma nessuno di questi contiene quell’innovatività che ebbe quello del Capitano 12 anni fa.

E’ stato Francesco Totti a riportarlo in auge negli anni duemila. E dato che proprio si è tornato a parlare di lui dopo l’eliminazione della Germania, appare particolarmente appropriato ricordare che, almeno per i tifosi della Roma, non ci sono Sergio Ramos o Pirlo che tengano: il Capitano uber alles!

Sara Mascigrande