Roma Calcio » AS Roma News » ESPN, Riesplode “Zemanlandia”

ESPN, Riesplode “Zemanlandia”

Un documentario che celebra tanto il gioco, quanto la filosofia che ad esso soggiace  nel credo calcistico tenacemente portato avanti dal boemo

ESPN ZEMAN / WEB – Il Wall Street Journal l’ha definito uno Jedi rievocando la saga di Guerre Stellari. Eppure, nel giorno del suo ritorno a Trigoria dopo 13 anni di assenza, Zdenek Zeman tutto è sembrato fuorchè un paladino del bene in lotta contro le forze del male. L’allenatore boemo è apparso piuttosto un uomo sereno, fermamente convinto della bontà del suo credo calcistico. Una filosofia di gioco, che a cavallo della fine degli Anni 80 e i primi Anni 90, ha dato vita a “Zemanlandia”, per tutti sinonimo di calcio spettacolo.

ESPN Classic celebra la genesi del modo di intendere del neo allenatore della Roma proponendo “Zemanlandia”, il film-documentario del regista Giuseppe Sansonna, prodotto dalla “Showlab in collaborazione con “Fly Film”, in onda sabato 9 giugno alle ore 14.20 (in replica, domenica 10 giugno alle ore 16.00 e lunedì 11 giugno alle ore 23.00).

Il film-documentario di 55 minuti ripercorre passo dopo passo, anche attraverso immagini di repertorio, l’ascesa del Foggia dei miracoli: dal doppio salto di categoria, dalla serie C alla A, alle vittorie memorabili contro le squadre più titolate del calcio italiano. Alla base dei successi di quel Foggia, guidato magistralmente dal tecnico boemo, c’erano gli allenamenti massacranti, l’esasperato utilizzo del fuorigioco e una tattica di gara votata unicamente all’attacco.

Nel film-documentario, intervallati dalle incredibili giocate dei vari Signori, Baiano, Rambaudi (tridente d’attacco del primo Foggia di Zeman), il tecnico boemo e Pasquale Casillo, allora presidente della squadra dauna, si ritrovano fianco a fianco, su un divano, a ricordare romanticamente quella che può essere forse ricordata come l’ultima grande storia calcistica prima dell’avvento del calcio business. A Roma, sponda giallorossa, oggi tutti si augurano che “Zemanlandia” possa scrivere un nuovo capitolo della sua storia, possibilmente vincente!