Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Euro 2012, Prandelli: ”La Germania è forte, non invincibile”

Euro 2012, Prandelli: ”La Germania è forte, non invincibile”

Le dichiarazioni del c.t. azzurro nella conferenza stampa all’indomani della gara vinta ai rigori contro l’Inghilterra

Il c.t. della Nazionale Italiana Cesare Prandelli (Getty Images)

EURO 2012 PRANDELLI GERMANIA FORTE NON INVINCIBILE / WEB – All’indomani della vittoria contro l’Inghilterra, Cesare Prandelli non vuole togliersi qualche sassolino dalla scarpa: ”Mi piace tenerli tutti nelle scarpe: così mi ricordo meglio – ha detto il c.t. in conferenza stampa -. Non so se ora qualcuno salirà sul carro. Siamo bravi nel tackle, e diamo anche qualche calcione”. Il tecnico ha poi anche parlato di Cassano che, a detta di molti, è sembrato il giocatore più stanco: ”La partita con l’Inghilterra era la più difficile per Mario (Balotelli) e Antonio. Nonostante questo, Cassano ha tirato tre volte e ha fatto due assist importanti. E’ chiaro che dopo l’infortunio un po’ può pagare, più nel ritmo gara che per la fatica, ma questo lo sapevamo. Certo che, anche se stanco, averne di Cassano anche solo per 40-50 minuti…”. In vista della gara di giovedì sera, Prandelli non si è sbilanciato molto: ”Ora devo valutare, poi deciderò“. Parole che sembrano aprire le porte a cambi nella formazione, anche in attacco. Qualche parole, poi, su Borini e Ogbonna: ”Oltre Fabio e Angelo sono stati tutti impiegati, quindi vuol dire che sono tutti importanti, sono convinto che anche cambiando assetto tattico possiamo avere equilibrio”.

Per quanto riguarda l’atteggiamento da adottare contro la Germania, Prandelli è stato molto chiaro: ”Dobbiamo giocare con la consapevolezza di poter fare la nostra partita, dobbiamo rischiare e non difendere la nostra area, preferisco prendere gol in contropiede piuttosto che stare 20 minuti a soffrire”. Infine, il c.t. ha concluso così: ”Ci giochiamo il 50% di recupero su cinque giorni e sono pochi, queste gare servono per dare non solo sicurezza alla squadra, ma anche per far capire a chi parla di noi che ci sono tanti modi per arrivare al risultato. La Germania è forte, ma non invincibile”.