Roma Calcio » AS Roma News » Londra 2012, Filippi: “Sono romanista da sempre, gli amici mi chiamano Pupona”

Londra 2012, Filippi: “Sono romanista da sempre, gli amici mi chiamano Pupona”

In attesa di cominciare l’avventura olimpica londinese la nuotatrice azzurra parla della sua passione tutta giallorossa

La nuotatrice Alessia Filippi

LONDRA 2012 ALESSIA FILIPPI ROMA / WEB – Una delle speranze italiane per conquistare medaglie prestigiose ai prossimi Giochi Olimpici di Londra è sicuramente rappresentata dalla romana Alessia Filippi, nuotatrice di grande talento che torna sui grandi palcoscenici iridati dopo qualche anno di stasi. Il sito Calciomercato.it ha intervistato l’atleta azzurra che ha confessato la sua grande passione per la Roma.

Quando ti sei resa conto di essere una tifosa della Roma?
“Difficile dirlo, lo sono sempre stata. Sin da piccola mio padre mi ha trasemsso la passione, lui è molto romanista”.

Qual’è la vittoria più bella della Roma e quale la sconfitta più bruciante?
“Sicuramente la vittoria più bella è quella dello scudetto conquistato nel 2001. Per quanto riguarda invece la sconfitta, purtroppo, il famoso 7-1 contro il Manchester United nei quarti di finale di Champions League”.

Come faresti tu il mercato della Roma?
“Non me ne intendo assolutamente, faccio solo la tifosa”.

E chi ti piacerebbe vedere in maglia giallorossa?
“Cristiano Ronaldo”

Zeman ti sembra l’allenatore ideale per rilanciare la Roma?
“Assolutamente sì. Mi sembra un ottimo allenatore, uno di quelli che fa lavorare tanto e bene. Poi credo sia ben visto da tutto il popolo romanista”.

Hai qualche aneddoto da raccontare?
“Una volta allo stadio, in occasione di un derby, ero seduta al fianco di Giovanni Malagò e al padre. Mi son allontanata per 5 minuti e la Lazio andò in vantaggio. Appena tornai indeitro la Roma pareggiò e il padre di Giovanni non mi fece più alzare dal mio posto per tutta la partita”.

Parlando ora della tua avventura olimpica, ti senti pronta e in forma?
“Assolutamente sì, sono molto carica e non vedo l’ora di scendere in vasca”.