Roma Calcio » A- Senza categoria » Nazionale, Abete: “Uscire sarebbe stata una beffa. Merito del lavoro di Prandelli”

Nazionale, Abete: “Uscire sarebbe stata una beffa. Merito del lavoro di Prandelli”

Il presidente della FIGC si esprime sulla Nazionale

Abete parla degli Azzurri

NAZIONALE ITALIA–GERMANIA / WEB – Dolce risveglio per Azzurri. Inghilterra matata  ai rigori, Italia in semifinale ad Euro 2012. Giancarlo Abete Radio ad Anch’io Sport celebra l’impresa della Nazionale di Prandelli: “Uscire sarebbe stato ingiusto, una beffa. Abbiamo meritato di vincere questa partita. Abbiamo giocato molto meglio e messo alle corde l’Inghilterra. Mi è piaciuto molto il modo di interpretare la partita, il gioco espresso, la forza del gruppo e la determinazione: questo è merito del lavoro del tecnico”.

NAZIONALE E CLUB – “La Federazione dovrebbe sentire maggiormente la vicinanza dei grandi club. E’ un dato di fatto, non vogliamo fare polemiche ma solo far capire che una grande nazionale è interesse di tutti: una maggiore partecipazione sarebbe gradita ma anche dovuta – ha poi osservato Abete -.  Il calendario internazionale limita tutti. Prandelli aveva necessità di un periodo continuativo di lavoro, una difficoltà che riguarda tutti i Paesi. Noi abbiamo dimostrato che nel tempo che ci è dato siamo riusciti ad esprimere un gioco positivo, non solo motivazione ma belle partite. Abbiamo sempre cercato di vincere attraverso il gioco e il merito tecnico c’è tutto”.