Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Nazionale, Prandelli: “Non dobbiamo avere paura della Spagna”

Nazionale, Prandelli: “Non dobbiamo avere paura della Spagna”

Dalla Germania all’imminente finale con la gli iberici passando per la sostituzione di Mario Balotelli

Cesare Prandelli

NAZIONALE PRANDELLI / WEB – Qualche parola del ct della Nazionale italiana Cesare Prandelli.

SULLA GERMANIA: “Siamo molto orgogliosi, una squadra di calcio quando rappresenta un Paese e quando è all’estero, capisce l’importanza di rappresentare una nazione. Quella con la Germania è stata una partita molto ben preparata dal punto di vista tattico, l’interpretazione dei ragazzi è stata straordinaria, abbiamo avuto poco tempo per lavorarci, ma l’abbiamo sfruttato bene, sono orgoglioso di allenare questi ragazzi perché non era semplice preparare questa partita. C’è soddisfazione per questa prestazione, per aver lavorato per la squadra, per la sua capacità di leggere la partita, perchè non è soltanto un attaccante come qualcuno l’ha dipinto“.

SULLA SPAGNA: “Spero di poter preparare bene la finale contro la Spagna, anche se abbiamo un solo giorno, cercheremo di capire e trovare i loro punti deboli come abbiamo fatto contro la Germania. Non sarà facile perché quella iberica è una squadra che ha vinto Europei e Mondiali negli ultimi 4 anni, ha valori morali e caratteriali. Ho sempre detto che per me poteva essere un punto di riferimento sotto tutti i punti di vista e lo è. Però anche noi ci siamo. Abbiamo fatto un primo tempo importante contro la Spagna, dobbiamo cercare di ripetere quel primo tempo come atteggiamento, senza paura di confrontarci con questa squadra. Ci dobbiamo preoccupare di mantenere certi equilibri tattici, il segreto è sempre lì, se riusciamo a distribuire le forze possiamo fare le gare anche noi“.

SULLA SOSTITUZIONE DI BALOTELLI:Erano almeno sette-otto minuti che Mario accusava i crampi e quando si è fatto male ho pensato che si fosse stirato ed ho chiesto subito il cambio, poi, lui mia ha detto che poteva provare altri cinque minuti, ma c’era già Di Natale in campo“.