Roma Calcio » AS Roma News » As Roma, La conferenza stampa dei giovani

As Roma, La conferenza stampa dei giovani

Chiacchiarata corale con i giornalisti per l’ultima conferenza stampa del ritiro

Valerio Verre

CONFERENZA STAMPA VERRE LUCCA PROIETTI GAFFI ROMAGNOLI SVEDKAUSKAS / WEB – Quest’oggi a Riscone di Brunico conferenza stampa che vuole mettere in evidenza i giovani della Roma.

La cura Zeman: come vi sembra?

Verre: Per me è un onore essere qui. Si corre di più e porterà qualcosa è importante.

Lucca: Sono allenamento diversi rispetto al Brasile, ma la Roma è un grande club e siamo sicuri di porter raggiungere risultati importanti.

Proietti Gaffi: E’ una bella esperienza, soprattutto per la storia di Zeman. Per noi portieri è dura, di corsa non ne abbiamo mai fatta tanta. Speriamo di riuscire a vincere qualcosa.

Svedkauskas: Per me anche è un sogno, gli allenamenti sono diversi rispetto alla Lituania. Però siamo qui per fare bene.

Romagnoli: E’ una grande emozione, è penso che questa cura ci porterà frutti in futuro e faremo grandi cose.

Il vostro idolo e i vostri obiettivi per la prossima stagione.

Romagnoli: Il mio idolo è Maldini e spero di fare qualche presenza in A.

Proietti Gaffi: Buffon, e il mio scopo è fare qualche presensza con la primavera e qualche panchina in A

Svedkauskas: Stekelenburg e Lobont, voglio fare bene con loro. Voglio fare bene con la PRimavera e magari qualche panchina.

Verre: Il mio idolo è De rossi e il mio sogno è fare qualche apparizione in prima squadra. Vedremo durante la stagione.

Lucca: Non ho idoli, ma i riferimenti sono Totti e De Rossi. L’obiettivo è la Champions e quindi fare meglio rispetto lo scorso anno.

Ad Alessio, sei il più giovane: come ti trovi ad essere il più piccolo? Senti il peso della responsabilità?

Il peso della responsabilità onn lo sento, spero di fare bene e di farmi vedere dal mister. Juan, Heinze e Burdisso sono degli idoli e mi hanno aiutato tanto.

A Verre: hai esordito con lo Slovan e girava quel video di “Chi è Verre”? Gli altri ragazzi, spiegate le vostre caratteristiche e i vostri difetti.

Verre: Il video mi ha divertito: nonostante la delusione ci siamo messi a scherzare con i compagni. Io non devo dimostrare niente, chi mi conosce sa quello che faccio.

Romagnoli: Le mie doti oltre al fisico sono l’intelligenza tattica e una buona tecnica.

Proietti Gaffi: La mia più grande caratteristica è la tranquillità nel gestire il ruolo. Un difetto, evo alungare maggiormente le braccia e dare più spinta.

Svedkauskas: Come portiere devo lavorare tanto, però sono tranquillo e calmo in porta. Però devo ancora lavorare sbaglio tanto.

Lucca: Mi piace uscire con la palla, inserirmi e segnare anche se non è tipico del mio ruolo.

C’è un’indicazione particolare che vi ha dato Zeman e che ricorderete in futuro?

Romagnoli: Di andare sempre avanti e fare gol.

Verre: Anche a me la stessa impressione, la fase offensiva. Correre, correre tanto per rincorrere l’avversario senza pallone per recuperarlo e fare gol.

Lucca: Correre più della palla.

Per Svedkauskas: com’è nata la trattativa con la Roma? Ti aspettavi un lavoro così forte per i portieri?

I primi giorni era difficile, ora sto meglio. Un anno ero in prestito dopo non lo so, loro non mi volevano comprare e la Roma mi ha chiamato.

Proietti Gaffi: Io avevo sentito di questi duri allenamenti ma non mi aspettavo tutta questa corsa anche per i portieri. Comunque sto mettendo fiato, vedremo i frutti durante l’anno.

A Lucca, ti senti più centrale o intermedio? Pensi di stare con la prima squadra o in Primavera?

Mi piace giocare davanti la difesa, ma non ho problemi a giocare a centrocampo. La scelta compete al mister così come quella di decidere se giocare con la prima squadra o la Primavera.

Com’è nato il tuo rapporto con la Roma? E’ stato Franco Baldini a voler scommettere su di te?

Sì è stato lui a cercarmi e a raccogliere informazioni. Mi ha seguito e portato qui.

Interviene l’addetta stampa Elena Turra che spiega l’assenza di Florenzi, già noto al pubblico, e di Nico Lopez che non se la sentiva di partecipare per motivi, spiega, “di timidezza”.

Sara Mascigrande