Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » Tournée Usa, la conferenza stampa a Chicago. Pannes: “E’ un onore portare la Roma negli States”

Tournée Usa, la conferenza stampa a Chicago. Pannes: “E’ un onore portare la Roma negli States”

La conferenza stampa tutta a tinte giallorosse a Chicago per l’arrivo della Roma e l’inizio di questa tournée amichevole

Totti e la Roma a Chicago

TOURNEE USA CONFERENZA STAMPA ROMA / WEB -La conferenza stampa a Chicago per presentare la sfida di domani tra Roma e Zaglebie Lubin; partecipano i dirigenti Baldini, Pannes ed i calciatori Bradley e Totti oltre a mister Zeman.

La conferenza stampa:

Parla l’ad Mark Pannes: E’ un onore portare la Roma in questa città, si tratta dello sport più famoso del mondo ed è bello riportarlo in questo stadio. La partita di domani sarà giocata contro un club polacco perché c’è a Chicago una grande presenza di cittadini di quella nazionalità. E’ una grande opportunità.

Ora Franco Baldini: Siamo onorati di essere qui, vogliamo mostrare la nostra qualità. Abbiamo grandi calciatori di talento, come il nuovo arrivato Bradley o il capitano storico Totti. Il nostro allenatore gioca sempre all’attacco.

Parla Michael Bradley: Gioco in serie A, è un campionato formato da calciatori di grande livello, ogni domenica c’è difficoltà nelle partite che affronti. C’è tanta passione dei tifosi per il calcio. La Roma è una grande opportunità per me, così come giocare in questo stadio a Chicago, sarà un gran pomeriggio per tutti, c’è tanta storia qui per lo sport mondiale. La passione e la forza di un club come la Roma mi eccita, è bello poter dimostrare la mia qualità in una squadra come quella giallorossa, l’occasione più importante della mia carriera.

Il turno di Francesco Totti: Mi sono messo subito a disposizione del mister, siamo ancora in fase di preparazione, c’è tempo ma a metà agosto starò meglio. Il ruolo? Se dovessi giocare esterno mi adatterò, l’importante è esserci. Il calcio per me è divertimento e cerco di divertire la gente, almeno finchè ce la farò. Gli Usa sono un mondo diverso dal nostro, c’è una cultura ed un modo di vivere assolutamente differente. Destro? Spero che possa arrivare, è un giovane promettente, a Roma può fare bene anche se è una piazza più difficile di Siena. Stiamo parlando sempre di un non giocatore ancora della Roma.

Parla mister Zeman: C’è un pò di crisi nel calcio italiano, molti big sono partiti ma i giovani hanno l’opportunità di farsi notare al meglio. Bradley? E’ un ottimo calciatore, l’America è il paese più forte del mondo e può far bene anche nel calcio. Per la Roma tutto ciò è positivo, possiamo crescere anche noi con la proprietà americana. Siamo arrivati a metà preparazione per quest’anno, bisogna imparare a soffrire, sono contento di essere a questo punto. Castan e Tachtsidis? Li ho visti ancora pochissimo, non posso dare giudizi.