Roma Calcio » AS Roma News » Interviste Esclusive » A.S.Roma, la conferenza stampa di Alessandro Florenzi

A.S.Roma, la conferenza stampa di Alessandro Florenzi

Questa mattina il giocatore ha incontrato i giornalisti in conferenza stampa, subito dopo la seduta d’allenamento

Alessandro Florenzi è tornato a Roma dopo un anno al Crotone (Getty Images)

A.S.ROMA CONFERENZA STAMPA ALESSANDRO FLORENZI /IRDNING – ASROMALIVE.IT – Alessandro Florenzi è una delle promesse della nuova Roma di Zeman. Classe ’91, si è già messo in mostra nelle amichevoli pre-campionato. Questa mattina il centrocampista ha incontrato i giornalisti in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni integrali:

Quanto è contato il parere di Zeman per il tuo ritorno?
Ha contato per me molto quello che pensava il mister e quello che pensava la società. Sono qui, sono felice e devo continuare a fare bene come adesso

Vieni da una stagione brillante a Crotone, sei stato giudicato il migliore della B insieme a Insigne e Verratti. Pensi di essere un giovane in rampa di lancio nel calcio che conta?
Secondo me parlano i numeri. Insigne e Verratti l’anno scorso hanno fatto molto bene, io anche grazie alla squadra del Crotone che devo ringraziare, senza di loro non sarei qui adesso

Ci sono molti giovani in questa Roma, che significa per voi?
Non è facile trovare spazio, ma non solo qui, in generale in tutte le squadre. Pochi giovani trovano spazio come magari lo possono trovare qui, noi dobbiamo dare il massimo e ascoltare i consigli dei più grandi, che ce ne danno tanti di consigli

Che consigli ti ha dato De Rossi?
Mi ha detto di giocare il più semplice possibile, sapeva le mie qualità e mi ha detto di giocoare semplice la palla perchè poi giocando insieme si troverà insieme le giuste tecniche di gioco

Sei l’unico romano insieme a Totti e De Rossi, a parte Romagnoli che è il baby del gruppo. Che sensazioni hai?
Sensazioni forti, perchè essendo della Roma anche io sento questa maglia tanto, è una gran cosa far parte della rosa della Roma

Nel ruolo siete tu e Bradley. Lotterai per fare il titolare?
Ce lo dobbiamo guadagnare sul campo, noi dobbiamo lavorare tutta la settimana poi il mister farà giocare chi starà meglio

Ti sembra strano che uno cresciuto a Trigoria debba andare via per poi trovare spazio?
Sono cose del mercato, se l’anno scorso restavo qui non avrei giocato. Quindi è giusto essere andato a farmi le ossa al Crotone, per quello anche sono qui. Ho fatto bene l’anno scorso in B e ora fortunatamente sono qui a giocarmi le mie carte

In quale ruolo puoi dare il meglio?
Se a Crotone e in Nazionale ho fatto il centrocampista non vedo perchè non posso farlo qui, anzi lo faccio forse con più voglia, sicuramente è il ruolo che mi appartiene di più, ma se devo giocare terzino o ala non ho problemi

L’obiettivo in questa stagione? Giocare il più possibile?
Giocare il più possibile è l’obiettivo di tutti, poi dipenderà da me, da quello che farò di settmana in settimana, di partita in partita

Che rapporto hai con Zeman, con il suo modo di allenarsi, e che indicazioni ti ha dato?
Indicazioni particolari no, mi trovo bene, adesso stiamo smaltendo un pò le fatiche di inizio ritiro, non avevamo mai fatto una simile preparazione ma stiamo andando meglio. Anche ieri si è visto, dobbiamo continuare su questo passo

C’è qualche compagno che vedi più stanco tra i nuovi?
Penso di no, ieri ho visto molto bene Piris, De Rossi e Balzaretti. Già si vedeva dagli Europei che stavano bene, sono venuti qui con tanta voglia e stanno andando alla grande

Il fatto che ci siano tanti giovani ti entusiasma?
Mi sento bene, oltre ad essere giovani sono tanto bravi, penso a Lamela, a Bojan, soprattutto a Pjanic che ha un anno più di me ma ha tante partite in Champions e in Ligue 1

E’ stato un peso andare a Crotone in prestito per dimostrare qualcosa alla Roma?
No, un peso no. Sono andato lì per giocare, poi quando sei in mezzo cerchi di dare il meglio e fortunatamente è andato tutto bene

Le sensazioni avute in questa tournèe americana
Non ci aspettavamo tutto quell’affetto, non pensavamo che la gente ci seguisse così tanto, è stata una bella emozione entrare in uno stadio e trovare tutto pieno e vedere che la gente tifava Roma

Il mister ti schiera sempre, sei quello che ha il minutaggio più alto
Questo da fiducia, perchè essere nel progetto del mister conta. Ma sappiamo che ci sono tanti giocatori bravi e dobbiamo dimostrare ogni settimana di stare al meglio