Roma Calcio » AS Roma News » As Roma, Conti: “De Rossi? Cederlo è stato l’ultimo pensiero della società”

As Roma, Conti: “De Rossi? Cederlo è stato l’ultimo pensiero della società”

Il dirigente giallorosso commenta le dichiarazioni di De Rossi

Conti parla di De Rossi

AS ROMA INTERVISTA CONTI / ASROMALIVE.IT – Bruno Conti commenta la conferenza stampa di De Rossi ai microfoni diSky Sport:

Cosa può portare un giocatore a fare una scelta di alta fedeltà?
“La Roma è un esempio, oltre a me guardate Francesco Totti e Daniele De Rossi. A Daniele non è mai passato per la testa di lasciare la Capitale. De Rossi lo abbiamo preso nel 1995 dall’Ostiamare e sicuramente cederlo è stato l’ultimo pensiero della società. Francesco Totti avrebbe potuto guadagnare tantissimo altrove. Questi giocatori ci mettono sempre la faccia, soprattutto nei momenti di difficoltà. Bradley ha detto che i leader sono Burdisso, Totti e De Rossi ed è così”.

Oggi i soldi sono gli unici motivi per spostare un giocatore da un club all’altro?
“Oggi sembra che non si rispettino più i contratti. I soldi servono per far star bene la famiglia poi c’è bisogno di altro. Il pubblico di Roma è legato a questa maglia, a questi colori. Daniele, Francesco e io stesso ci siamo resi conto di quanto sia particolare questa piazza, nonostante loro potessero guadagnare molto di più altrove. Di Natale? Anche lui ha rinunciato a tanti soldi per legarsi all’Udinese. Zanetti? Un grande professionista, ha un grande rispetto per l’avversario. Lui riesce sempre a mantenere la giusta serenità, è un esempio per tutti, un fenomeno vero. Gli mando un grando abbraccio”.

Sarà titolare anche quest’anno?
“Credo di sì, non conta l’età ma quello che si fa in campo e la professionalità durante gli allenamenti”.

Buffon?
“Ho un ottimo rapporto con lui. E’ rimasto in serie B con la Juve, nonostante le offerte per lui non mancassero, per continuare il progetto che aveva intrapreso. Questo è Gigi Buffon, lo conosco molto bene”.