Roma Calcio » AS Roma News » A.S.Roma, Baldini: ”Lo 0-3 a tavolino è conseguenza diretta di quel che è successo”

A.S.Roma, Baldini: ”Lo 0-3 a tavolino è conseguenza diretta di quel che è successo”

Le dichiarazioni del direttore generale della Roma dopo la riunione tecnica svoltasi a Trigoria in merito al rinvio di Cagliari – Roma

Il direttore generale della Roma Franco Baldini (Getty Images)

A.S.ROMA BALDINI 0 – 3 TAVOLINO CONSEGUENZA DIRETTA / ASROMALIVE.IT – Il direttore generale della Roma, Franco Baldini, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport alla fine della riunione tecnica che si è tenuta a Trigoria per decidere il da farsi dopo il rinvio di Cagliari – Roma. Ecco le sue parole:

Siete parte lesa di questa vicenda si può dire?

Il termine parte lesa non è improprio, noi abbiamo dato disponibilità a tutti di giocare in questo campo nonostante avremmo potuto opporci formalmente. Siamo arrivati lì ieri sera senza avere nessuna cognizione di quello che si stava preparando, il termine lesa non è così improprio

Cosa è successo?

Appena arrivati alcuni giornalisti ci hanno informato del comunicato di Cellino e quindi, da quel momento in poi, si sono cominciate ad agitare le acque, ed infatti a tarda notte sono stato avvertito dalla Prefettura che mi ha notificato il provvedimento di rinvio

Quale sarà la strategia della Roma?

Il nostro è un percorso obbligato, noi abbiamo fatto una riunione anche con l’avvocato per capire che formalità espletare, noi faremo un reclamo perché il motivo del rinvio è dipeso dal Cagliari e quindi riconducibile all’art. 17 del codice di giustizia sportiva. Ora il ricorso va articolato ma lo abbiamo preannunciato come regolamento impone. Lo 0-3 a tavolino è la conseguenza diretta di quello che è successo, noi siamo parte lesa.

C’è anche un discorso di principio in tutto questo?

Assolutamente si, il principio è quello che le competizioni vanno disputate nell’ambito di una serie di regolamenti oggettivi

C’è stato stupore tra i suoi ragazzi?

Lo stupore l’ho avuto io che ho oltre cinquant’anni, figuriamoci i ragazzi. Stamattina la parte più imbarazzante è che non avevo né faccia né parole per spiegare ai nostri giovani cosa era successo”.