Roma Calcio » AS Roma News » Roma, ecco l’intervista di Zeman al settimanale ”Sette”. Ora cosa deciderà la Figc?

Roma, ecco l’intervista di Zeman al settimanale ”Sette”. Ora cosa deciderà la Figc?

L’intervista completa del tecnico boemo al settimanale ”Sette”, uscito oggi in edicola, dove Zeman avrebbe detto la famosa frase ”Abete è nemico del calcio”.

Il tecnico boemo Zdenek Zeman (Getty Images)

ROMA INTERVISTA ZEMAN SETTE / ASROMALIVE.IT – Silenzio, risposta per le rime o deferimento? Sono queste le possibili decisioni che prenderà la Figc in merito alle dichiarazioni di Zeman sul presidente della Federazione stessa: Giancarlo Abete. Prima di giudicare, però, l’ente preferisce leggere l’intera intervista (che oggi è uscita in edicola, sul settimanale Sette) di cui mercoledì scorso si è avuta l’anticipazione ormai nota a tutti: Zeman avrebbe accusato Abete di essere nemico del calcio.

Qui di seguito si può leggere l’intervista suddetta nella sua interezza. In realtà, l’affermazione ”incriminata” non è presente nel testo dell’intervista ma nel cappello presentativo che il giornalista Vittorio Zincone ha fatto del personaggio. Ecco il passaggio relativo:

”Dopo anni di esilio dalla Serie A, dopo che le sue denunce sul doping, sulla GEA di Luciano Moggi e sull’invasione della finanza gli avevano inimicato il “sistema calcio”, Zeman è tornato. Con tutto l’armamentario di dichiarazioni ustionanti. Già, perchè da Zeman ci si aspettano verticalizzazioni fulminee in campo e bastonate dialettiche davanti ai microfoni. Anche con Sette non delude le aspettative. Chiedo “A cena col nemico?”. Replica “Perchè dovrei cenare con un nemico?”. Insisto “Andrebbe a cena con Giancarlo Abete, presidente di Federcalcio?”. E lui, dopo aver inserito la modalità sfinge: “Perchè no? Abete non è nemico mio. E’ nemico del calcio, non mio”.

Ecco, ora l’intera intervista

Il calcio è semplicità?
Dovrebbe essere semplicità
Non lo è?
Molti giocatori si complicano la vita. Si vogliono mettere in mostra e far vedere che sanno fare qualche cosa in più

Succede anche tra i suoi?
Chi sa di più dovrebbe aiutare chi sa di meno

Invece?
Il calcio è sempre di più uno sport individuale. I giocatori pensano: faccio più gol, divento più famoso, guadagno più soldi. Ci sono giocatori che hanno bonus legati alla quantità di rigori che ottengono durante la stagione”

Anche Totti & Co.?
Non credo. Contratti simili spingono a simulare cadute in area, no?

“Ago” Di Bartolomei diceva: “Talento e serietà valgono allo stesso modo”
Ho visto giocatori con talento perdersi e non giocatori diventare giocatori dopo anni di allenamento

La sua priorità qual’è? La serietà o il talento?
Serietà e impegno

Lei ha la fama di essere molto duro con i suoi giocatori se non si comportano in maniera corretta…
Ci sono giocatori di cui si dice che hanno carattere perchè non si contengono nelle proteste. Il carattere in realtà non c’entra. Devono imparare a dominarsi e a rispettare l’avversario e gli arbitri

Avrebbe strigliato Totti quando diede un calcione gratuito da dietro a Balotelli?
Certo. Un allenatore deve cercare di eliminare questi atteggiamenti negativi”.

Attegiamenti negativi. Si è mai pentito di averli denunciati? Lei è stato il primo a parlare di doping, dello strapotere della Gea…
Se un giornalista mi fa una domanda io rispondo quello che penso. Mi dispiace che certe volte le mie dichiarazioni vengono strumentalizzate

Quando sarebbe successo?
Con Antonio Conte, per esempio

Bè, lei quest’estate ha detto che se un allenatore è squalificato per tanti mesi, non dovrebbe allenare..
Dicevo in generale

Passare dal generale al particolare non era complicatissimo
Ci siete passati voi giornalisti. Non io

Stampa e giornalisti hanno influenzato la sua carriera?
Soprattutto tra il 1998 e il 2006. In modo negativo

In quel periodo ha alelnato molte squadre cosiddete minori. E’ finito pure in Turchia, al Fenerbache. Ora è tornato. Osannato. Gianni Petrucci presidente del CONI ha dichiarato: Zeman dice spesso cose che la gente pensa ma non ha il coraggio di dire”.
Sono contento che Petrucci si accorga che la gente la pensa in maniera diversa da quello che sostengono i vertici

I tifosi credono che che sia meglio vincere che giocare bene. Lei ha sempre detto il contrario.
Per me è meglio vincere dimostrandosi superiori sul campo e non fuori dal campo

Sta parlando di intrighi di palazzo o farmacie?
Si, di tutto questo

Gli scandali contribuiscono a fare pulizia? Doping, calcioscommesse….
C’è qualche miglioramento. Ma temo che sia più per paura di essere scoperti che per convenzione. Servono più esempi positivi

Bisogna partire educando i giovani dalle scuole calcio?
Ho sempre spiegato ai miei giocatori il concetto di del collaborare, del recuperare un risultato uniti. La mia “zona” è questo: il contrario di un calcio in cui i giocatori pensano solo al proprio spazietto

La “sua” Roma è questo?
Ci sto lavorando

C’è chi dice “Zeman è cambiato. Non è più quello ultra-offensivista della zemanlandia foggiana e del ferreo 4-3-3
Il mio pensiero sul calcio non è cambiato. Possono essere cambiati gli interpreti.

E il suo modo di percepire il derby è cambiato? Disse: “Per me è una partita come un’altra”. E i tifosi giallorossi non le perdonarono quei quattro derby di fila persi con la Lazio alla fine degli annia Novanta.
Distinguiamo tra tifosi e accecati. La Lazio era una grande squadra che aveva comprato tanti campioni

Le ha sempre ottenuto risultati migliori alla Lazio (un secondo e un terzo posto) che alla Roma
La Lazio era penalizzata, ma meno della Roma

In che senso?
”Nel mio secondo anno alla Roma (’98/’99, n.d.r) la squadra perse 20 punti. Non sul campo

Ha detto più volte che eravate sfavoriti nel cosiddetto “sistema”. Il “sistema” non esiste più?
E’ quello che mi auguro

Ora ha l’occasione di rifarsi. E’ per questo che sembra così felice di essere tornato alla Roma?
Sono felice perchè sono tifoso della Roma. Quando allenavo il Licata a inizio Anni 80 e già facevo giocare un bel 4-3-3, un amico romanista mi ossessionava le imprese dei giallorossi. Non capivo perchè. Quando sono arrivato quì è stato tutto chiaro. La squadra è nei cuori di molti romani

Dopo solo due giornate, anche i suoi detrattori più accaniti sembrano rinsaviti.
Un’esagerazione. Ma non mi stupisce. A Roma è facile esaltarsi. Ma anche deprimersi. Serve equilibrio. E io ce l’ho”.

Massimo Moratti ha detto che negli ultimi anni lei è stato vicino a un accordo con l’Inter.
Molte parole. Ma poi bisogna vedere se ci sono le condizioni per lavorare bene. E non parlo di giocatori da acquistare”.

È più facile che un giocatore nasca zemaniano o che lo diventi?
Sono più quelli che lo sono diventati”.

Baiano, Rambaudi, Vucinic, Immobile, Insigne…
Ne aggiunga un’altra ventina”.

Beppe Signori… Ora indagato per il calcioscommesse.
L’ho sentito più di una volta. E mi dispiace per quel che è successo. Lui era un esempio positivo. Si è sempre comportato bene. A fine carriera, parecchi giocatori che hanno guadagnato molto, finiscono in mezzo a gente che li vuole sfruttare”.

Sfruttamenti sportivi. Il giorno dopo la vittoria della Roma sull’Inter il titolo giallorosso è schizzato in Borsa del 5% e passa.
Penso che le società di calcio non dovrebbero essere quotate in borsa. I risultati mi danno ragione. Il calcio deve stare fuori dalla finanza e dalla politica”.

Le hanno mai proposto di fare politica?
Sì, certo. Ho avuto tante offerte

Da destra o da sinistra?
Io non ho mai dichiarato le mie preferenze, ma le proposte sono arrivate da tutti gli schieramenti. È normale: siamo in Italia”.

Lei ha un gruppo ristretto di amici?
Molto ristretto”.

Un nome?
Gastone, pescivendolo laziale, da cui non ho mai comprato neanche una sardina”.

Qual è la scelta che le ha cambiato la vita?
Decidere di fare l’allenatore di calcio”.

Ricorda il momento della decisione?
Nel 1974. Ero già stato allenatore di pallavolo, nuoto, ginnastica… Quell’anno sono entrato nel settore giovanile del Palermo. Guidavo quattro squadre. Non ho più smesso”.

Chi è venuto fuori da quel settore giovanile?
Tanti nazionali”.

L’errore più grande che ha fatto?
…Non ho fatto grandi errori!”.

È vero che lei non urla mai con i suoi giocatori?
Non c’è bisogno di urlare. Se urli non si capisce. Basta spiegare, anche a voce bassa”.

Che cosa guarda in tv?
Lo sport. E quando non c’è niente che mi interessa, qualche film, di cui il giorno dopo non ricordo nulla”.

Il film preferito?
Qualcuno volò sul nido del cuculo con Jack Nicholson”.

La canzone?
La donna cannone di Francesco De Gregori”.

Il libro?
Ora leggo poco. Mi piace Alexandre Dumas”.

Lo scrittore della vendetta. Chi ha scritto: “La prima minuscola ingiustizia commessa nell’interesse della giustizia… significa inequivocabilmente l’inizio della fine”?
Non lo so”.

Vaclav Havel, il leggendario presidente cecoslavacco. Condivide?
No. La vita ti insegna che non è così”.

Conosce l’articolo 21 della Costituzione?
Non lo conosco”.

È quello sulla libertà di espressione e di stampa…
Ma la stampa non è libera: è prigioniera della politica e della finanza”.