Roma Calcio » AS Roma News » Cagliari-Roma: ricorso dei sardi al TAR contro il rinvio del match imposto dal Prefetto

Cagliari-Roma: ricorso dei sardi al TAR contro il rinvio del match imposto dal Prefetto

Poi Cellino dice: “Punite me, non società e tifosi”

Massimo Cellino

CAGLIARI ROMA RICORSO SARDI / ASROMALIVE.IT – Secondo quanto riferito da Sky Sport, il Cagliari ha presentato ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) contro la decisione del Prefetto di Cagliari di rinviare il match tra la squadra sarda e la Roma. Inoltre, secondo quanto riportato da Sportitalia, gli avvocati cagliaritani Benedetto e Francesco Ballero avrebbero puntato subito alla sospensiva del decreto prefettizio che la sera prima della gara aveva scelto la strada del rinvio. Infatti, secondo i legali, la decisione finale per il rinvio di Cagliari-Roma doveva essere presa dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, integrato per l’occasione da alcuni rappresentanti del Ministero per i beni e le attività culturali e del Coni, cosa che non sarebbe avvenuta.

Massimo Cellino, Presidente del Cagliari, è intervenuto a Tele Radio Stereo tornando sulla questione relativa alla gara Cagliari-Roma vinta a tavolino dai giallorossi. “I principi sono una cosa importante. Siamo vincolati da principi sportivi, legati alla lealtà. Tutto il resto rovina il calcio, io combatto affinché il calcio resti uno sport e non sia spettacolarizzato. Faccio un ragionamento: uno che fa un’Olimpiade, che fa tanti sacrifici per vincere una medaglia, cosa guadagna da una medaglia? Qualcosa che economicamente, con meno sacrifici, farebbe in altro modo. E’ un valore simbolico. In questo contesto, non posso avere come antagonista la Roma, cui auguro di vincere lo scudetto, non parlando delle persone. Baldini? Io considero da sempre la Roma una società amica, delle persone non parlo, del presidente non parlo perché non lo conosco. Io onoro la giustizia, quella sportiva. Andrò a confrontarmi esponendo le mie idee, rispettando la magistratura sportiva, le regole vanno rispettate, vorrei che un mio eventuale errore non siano i tifosi del Cagliari a pagarlo, non voglio che il Cagliari sia il mio scudo ma io devo essere scudo del Cagliari, perché il Cagliari rappresenta un popolo, un’isola. Ripeto, andrò a esprimere il mio punto di vista, ma ciò non significa che la Roma sia una società nemica, anzi. Lo faccio perché voglio bene al Cagliari, perché auguro a ogni club di avere ultras come quelli del Cagliari, che non hanno mai avuto un biglietto gratis. Difenderò il Cagliari perché se deve pagare qualcuno vorrei che a pagare fossi io e nessun altro tra coloro che hanno a cuore la nostra squadra”.