Roma Calcio » AS Roma News » Non Solo Roma - Notizie delle altre squadre » Formula 1: disfatta Alonso, Vettel domina ed è a – 4. Massa ottimo secondo

Formula 1: disfatta Alonso, Vettel domina ed è a – 4. Massa ottimo secondo

Ottima gara del brasiliano che torna sul podio dopo 35 gare di digiuno. Campionato riaperto.

Alonso esce di pista, gara finita dopo una curva

FORMULA 1 GP SUZUKA VETTEL VINCE ALONSO KO / ASROMALIVE.IT – Prima curva e già si sente il coro di delusione di tutti i tifosi italiani che si sono svegliati presto in questa domenica mattina. Alonso è fuori dopo un contatto con Raikkonen alla prima curva (finlandese incolpevole), mentre Grosjean faceva il solito tiro al bersaglio centrando Webber, che comunque alla fine rimonterà fino al nono posto.

A Suzuka c’è infatti il dominio di Vettel che conquista il Grand Slam ossia: vittoria facendo segnare il giro più veloce, la pole position e gara tutta in testa. Con questa vittoria il tedesco va a soli 4 punti di distacco dallo spagnolo, con quindi il campionato che va a riaprirsi a cinque gare dal termine. Alle spalle del bicampione del mondo c’è un redivivo Massa che dal decimo posto della partenza si ritrova secondo dopo un’ottima strategia dei pit stop che gli consente di superare Kobayashi (ottimo terzo davanti a pubblico di casa, l’ultimo giapponese a podio è stato Suzuki nel ’90) e Button, che si mette dietro Hamilton e Raikkonen, per il trittico di inseguitori di Alonso in classifica.

Ecco le reazioni dei protagonisti al termine della gara:

Fernando Alonso ha lasciato il circuito prima che il GP del Giappone finisse, mentre per lui non era andato oltre la prima curva. “Mi hanno toccato la ruota – ha spiegato lo spagnolo della Ferrari – , ho bucato e non ho potuto continuare. Peccato. Penso che la vettura in gara si comporta sempre meglio rispetto alle qualifiche. Dobbiamo lavorare. Colpo per il campionato? Non cambia niente, sappiamo che un giorno tocca a noi e un giorno agli altri”. “Abbiamo cinque gare, ci giochiamo tutto in un mini campionato e partiamo tutti quasi con gli stessi punti. Alla fine dobbiamo solo fare un punto in più degli altri”, ha aggiunto con filosofia.

Poche parole anche da parte di Stefano Domenicali“Purtroppo per Alonso è stato un week-end sfortunato. Non credo alla sfortuna, ma tra qualifiche e gara sono successe cose fuori dal nostro controllo, però usciamo a testa alta, la prestazione di Felipe mi fa piacere, dobbiamo essere prudenti. La Red Bull è tornata molto forte, mentre siamo stati superiori alla Mclaren…Ride bene chi ride ultimo. Massa si è guadagnato la riconferma? Una cosa alla volta…”, ha commentato il direttore della gestione sportiva di Maranello.

Nessuna polemica con Kimi Raikkonen, che ha spiegato così la toccata allo spegnersi del semaforo. “La mia partenza è stata in salita – ha raccontato il finlandese della Lotus – , sono rimasto sulla sinistra, altri si sono affiancati, sono entrato in contatto con Fernando ma non potevo andare più a sinistra, ho toccato l’ala anteriore e lui ha forato. La lotta con Hamilton? Semplicemente non avevo la velocità sufficiente, ho perso tempo al pit-stop, ho perso dei punti comunque sono in una buona posizione del Mondiale”.

Seconda vittoria consecutiva per Sebastian Vettel, che a Suzuka ha dominato, lanciando un messaggio ad Alonso. “Grazie alla Red Bull, alla Renault, la macchina era perfettamente bilanciata, ecco perché c’era tanto divario con gli avversari dietro di me. A Spa avevamo avuto sfortuna, sono cose che accadono. Ci sono tante gare, non sapremo cosa accadrà nelle prossime corse, stavolta ci è andata bene, ma la stagione è ancora lunga”, ha detto.

“Chiaramente ho visto la safety all’inizio – ha raccontato sul podio – , sono partito bene, ma ho capito che c’era stato un incidente. Ho visto una Ferrari fuori, non sapevo quale fosse, poi mi sono accorto che dietro di me c’era Felipe. L’atmosfera è incredibile in ogni week-end, il bagno di folla rende il nostro lavoro davvero speciale. Dovrò imparare qualcosa di giapponese per il prossimo anno. Sono contento per Kamui (Kobayashi, ndr), l’ultima volta che eravamo sul podio era in Formula 3″.

L’eroe del giorno, però, è stato proprio Kamui Kobayashi. Il pilota della Sauber Ferrari ha ottenuto il suo primo podio proprio sulla pista di casa, scatenando l’entusiasmo del suo pubblico. “Grazie a tutti – ha affermato dal podio salutando il lingua giapponese i suoi tifosi – tutti sanno che arrivare al podio in Giappone per me è incredibile. Sono felice”.