Roma Calcio » AS Roma News » Processo a Moggi, il gup di Milano conferma la richiesta. Diffamò Zeman

Processo a Moggi, il gup di Milano conferma la richiesta. Diffamò Zeman

Il gup di Milano, Luigi Varanelli, si è pronunciato in merito. Ora si attende la decisione sul rinvio a giudizio

Luciano Moggi e Zdenek Zeman

PROCESSO MOGGI GUP MILANO CONFERMA RICHIESTA ZEMAN ASROMALIVE.IT – Il gup di Milano ha confermato, durante l’udienza preliminare, la richiesta di processo a carico dell’ex dg della Juventus, Luciano Moggi, che è stato accusato di aver diffamato il nome di Zeman con alcune dichiarazioni rilasciate alla stampa al termine di un’udienza relativa al processo Calciopoli. Ma come si è arrivati a questo? Cerchiamo di ripercorrere le tappe della vicenda.

Il 20 Novembre del 2009, Zdenek Zeman era stato ascoltato nel processo di Napoli (quello che poi ha portato alla condanna di 5 anni e 4 mesi per Moggi oltre al Daspo di 5 anni e all’interdizione in perpetuo dai pubblici uffici) e aveva affermato che la sua carriera avesse risentito delle denunce da lui effettuate nei confronti della Juventus. Al termine dell’udienza successiva, l’ex dg bianconero rilasciò alcune dichiarazioni al riguardo: ”Se Zeman pensa che sia stato io (…) a farlo esonerare per rovinargli la carriera, dovrebbe ringraziarmi perche’ ha guadagnato cinque miliardi di lire netti per un anno”. Moggi, poi, aggiunse anche che il tecnico boemo fosse stato esonerato da Napoli, Lazio, Salernitana, Lecce, Fenerbahce e Stella Rossa in quanto non avesse mai saputo allenare, in quanto fosse lento, impacciato e non sapesse parlare in italiano.

L’attuale allenatore della Roma, quindi, ha deciso di presentare una querela citando le suddette dichiarazioni riportate in un’articolo della Gazzetta dello Sport. E quindi si è arrivati a oggi, con gli avvocati delle due parti che hanno presentato dei documenti relativi al caso: i legali di Moggi hanno chiesto il proscioglimento. Ora si attende il prossimo 7 Novembre, quando il gup di Milano, Luigi Varanelli, dovrebbe decidere sul rinvio a giudizio o meno. La sensazione è, però, che questa battaglia non finirà mai.