Roma Calcio » AS Roma News » Roma, la società ricorda la vittoria della Coppa delle Fiere 51 anni dopo

Roma, la società ricorda la vittoria della Coppa delle Fiere 51 anni dopo

Resta l’unico trofeo internazionale conquistato

Capitan Losi con la Coppa appena vinta

ASROMA CELEBRA COPPA DELLE FIERE / ASROMALIVE.IT – Era la Roma di Foni, una squadra compatta, con giocatori che hanno fatto la storia. Cudicini in porta, capitan Losi in difesa, Angelillo a dare fosforo al centrocampo, “Piedone” Manfredini e Lojacono a bombardare in attacco le porte avversarie. Sono passati 51 anni esatti da quando quella squadra vinse quello che resta sinora l’unico trofeo internazionale nella storia giallorossa, la Coppa delle Fiere 1961.

L’As Roma l’ha ricordata con questo messaggio sul proprio sito ufficiale:
Roma, undici ottobre 1961, finale di ritorno di Coppa delle Fiere: Roma-Birmingham.L’andata era finita con uno spettacolare pareggio, 2-2, reti di Manfredini (doppietta), Hellawell e Orrit. Ci si gioca tutto all’Olimpico, davanti a circa sessantamila spettatori paganti. La Coppa delle Fiere non è un trofeo qualsiasi, anni dopo sarebbe stata sostituita dalla Coppa Uefa prima e dall’Europa League poi. Il cammino della Roma, fino a quel giorno, era stato esaltante, con le eliminazioni dei belgi del Saint Gilloise negli ottavi di finale, dei tedeschi del Colonia nei quarti e degli scozzesi dell’Hibernian nelle semifinali. Inizia la partita e la paura la fa da padrona. Nessuna delle due squadre riesce, nel primo tempo, a sbloccare il risultato. Al 10′ della ripresa, poi, la svolta: un autogol di Farmer spiana la strada ai giallorossi, allenati da Alfredo Foni. Una marcatura che, di fatto, spegne le ambizioni inglesi e dà alla Roma la consapevolezza che il trofeo è lì, a pochi metri dal traguardo. Ci pensa Pestrin, al 43′, a raddoppiare e a chiudere definitivamente i giochi. Per la formazione di casa si tratta del primo titolo europeo della sua storia. Il capitano, Losi, può alzarlo al cielo della Capitale e regalare una gioia ai tifosi. Roma, undici ottobre 2012, oggi, cinquantuno anni dopo.