Roma Calcio » AS Roma News » Roma: squadra sotto torchio, rispuntano i gradoni

Roma: squadra sotto torchio, rispuntano i gradoni

Zeman li ha rispolverati nell’allenamento di ieri

Il boemo ha ritirato fuori i gradoni

ASROMA IERI GRADONI / ASROMALIVE.IT – Bradley torna in gruppo e si candida per indossare una maglia da titolare nella gara di domenica alle ore 12,30 contro l’Atalanta. Ieri lo statunitense ha svolto l’intera seduta pomeridiana senza avvertire problemi al retto femorale che era rimasto lesionato un mese fa al debutto in campionato nella partita contro il Catania.

Il lavoro a Trigoria non è certamente mancato. Dopo due giorni di riposo concessi alla squadra, Zeman è ripartito con il piede sull’acceleratore. Allenamento di un’ora e mezza, improntato esclusivamente sulla parte fisica, contraddistinto da tanta corsa con lavoro aerobico e delle variazioni di ritmo, serie di addominali, esercizi legati al potenziamento degli arti inferiori e i temutissimi gradoni. Un segnale preciso, dopo aver incassato il sostegno della dirigenza poco prima all’interno dello spogliatoio, di come il tecnico boemo continui per la sua strada, incurante anche dei primi mugugni che erano trapelati negli ultimi giorni e che volevano più di qualche elemento in rosa sofferente per i duri allenamenti proposti dallo staff del boemo.

Balzaretti, Dodò e Lobont hanno svolto invece del lavoro a parte. Il brasiliano potrebbe esordire con il Genoa il 21 settembre o la settimana dopo con l’Udinese.
Assente Pjanic che è stato sottoposto ad esami strumentali che hanno valutato le condizioni del suo adduttore. Nonostante l’esito dei controlli sia stato positivo e l’ottimismo palesato dal calciatore lunedì “Contro l’Atalanta farò di tutto per esserci. La lesione non è grave e spero di poter recuperare. Oltre alla sfida di Bergamo mi spettano successivamente anche due importanti appuntamenti con la Bosnia, ai quali non voglio certo mancare” lo staff medico frena per un suo impiego domenica. È chiaro che il calciatore vorrebbe invece esserci per poter poi rispondere anche alla convocazione della sua nazionale ma le possibilità di esser convocato sono minime.