Roma Calcio » AS Roma News » Non Solo Roma - Notizie delle altre squadre » Tennis, minacce di morte per Federer. A Shanghai grosse misure di sicurezza

Tennis, minacce di morte per Federer. A Shanghai grosse misure di sicurezza

Le minacce da parte di un uomo su un sito web

Roger Federer

TENNIS MINACCE DI MORTE PER FEDERER / ASROMALIVE.IT – Torneo blindato a Shanghai per Roger Federer. Lo svizzero è stato infatti minacciato di morte e l’organizzazione ha deciso di rafforzare le misure di sicurezza. Tutto è iniziato il 25 settembre con un post shock su un sito sportivo molto popolare in Cina: “Sappiate che ucciderò Roger Federer“. Le minacce poi sono continuate ed è stata allertata la polizia locale per tutelare l’atleta, il suo team e la sua famiglia.

Le autorità locali sono perfettamente al corrente del problema e si sono subito mosse per evitare qualsiasi inconveniente. L’autore dei post contro Roger ha un nome, o meglio un nickname: “Blue Cat“. La polizia sta indagando per scoprire anche la sua identità, ma nel frattempo preferisce non rischiare.

Federer è già arrivato a Shanghai, ma il suo aereo non è atterrato all’aeroporto centrale. Per facilitare i controlli il suo volo è stato fatto atterrare a Pudong, lo scalo più piccolo della città. Secondo i programmi, nel pomeriggio è previsto un breve allenamento, ma sarà a porte chiuse.

“Stiamo facendo delle indagini, Federer è arrivato a Shanghai e abbiamo già rafforzato le misure di sicurezza – hanno spiegato gli organizzatori -. Ci auguriamo che quelle rivolte a Roger siano soltanto minacce verbali ma non potendo sapere questo con certezza dobbiamo mettere al sicuro il giocatore e la sua famiglia”. “Abbiamo preso la decisione di non lasciarlo in campo per molto tempo dopo la fine del match e chiediamo ai fans di avere pazienza se magari non farà qualche autografo”, ha poi concluso un portavoce del torneo di Shanghai.

Intanto da segnalare la matematica certezza della qualificazione di Sara Errani al Masters di fine anno. Nonostante l’infortunio è irraggiungibile. Poco male, lei ci sarebbe andata: “Anche zoppa”