Roma Calcio » A- Senza categoria » As Roma, Colantuono: “La Roma potrà arrivare a competere per lo scudetto”

As Roma, Colantuono: “La Roma potrà arrivare a competere per lo scudetto”

Il tecnico parla dei giallorossi

Stefano Colantuono

AS ROMA DICHIARAZIONI / ASROMALIVE.IT – Stefano Colantuono, tecnico dell’Atalanta, è intervenuto ai microfoni di Tele Radio Stereo parlando della situazione Roma e della Serie A in generale. Ecco le sue parole:

Chi sta facendo meglio tra gli allenatori della serie A?

La Fiorentina lo scorso anno ha fatto un campionato di sacrificio, Montella ha cambiato il modo di interpretare il calcio, grazie anche all’ottimo lavoro di Pradè che gli ha messo a disposizione dei buoni giocatori. Cosmi ha 10 punti in classifica, ma sarebbero 16 punti se non avesse la penalizzazione e partire da -6 è drammatico lo so bene. Conte si sta confermando. Stramaccioni, dopo un momento difficile, sta dando seguito ai risultati, Maran sta proseguendo il discorso del Catania che negli ultimi anni sta facendo campionati di buon livello.

Cosa pensa della Roma?
La Roma ha preso giocatori di grande talento. Tutto e subito è difficile averlo, negli anni e se i tifosi avranno pazienza, potrà arrivare a competere sempre per lo scudetto.

Marquinhos: giusto il coraggio di Zeman lo ha portato ad essere titolare?
La Roma aveva palesato problemi dietro e Zeman sta cercando gli interpreti giusti per il suo calcio. Marquinhos dà garanzie perchè è veloce e permette di giocare con la difesa alta perchè ha un recupero incredibile.

Tra gli allenatori che idea avete di Zeman?
C’è grande stima, perchè è uno degli allenatori più esperti. Lui e Ventura sono quelli più anziani di carriera. Tutti abbiamo i nostri pregi e i difetti, ma Zeman è un punto di riferimento per chi ama quel tipo di calcio.

C’è la possibilità di vederla sulla panchina della Roma?                                                                                                                                         Sono molto legato a Bergamo, mi sento veramente a casa, circondato da una proprietà fantastica e uno staff dirigenziale che non ti mette in discussione per un passo falso. Ti danno la possibilità di lavorare in serenità: lo scorso anno abbiamo recuperato i 6 punti di penalizzazione ed è come se avessimo vinto uno scudetto, l’anno precedente abbiamo vinto il campionato di serie B. Poi nel futuro sono nelle mani della proprietà, perchè ho un contratto che scade nel 2014 e spero di rinnovare. Poi nel calcio tutto può succedere.