Roma Calcio » AS Roma News » As Roma: da Pjanic a De Rossi, quanti deprezzamenti!

As Roma: da Pjanic a De Rossi, quanti deprezzamenti!

Quattro giocatori si sono fortemente svalutati in questa stagione

Maarten Stekelenburg, costato 6,5 milioni, ne costa poco più di 2

ASROMA DEPREZZATA / ASROMALIVE.IT – A quanto riporta Il Messaggero la famosa “rivalutazione dei giovani”, motivo per cui Zeman è stato scelto dalla dirigenza, sta riuscendo solo in parte. La filosofia d’attacco del boemo ben si sposava con la speranza di poter rivalutare qualche elemento che si era deprezzato dopo l’ultima stagione.  Operazione riuscita con Lamela (comunque costato, commissioni incluse, 20 milioni) e pochi altri. Si fa fatica a trovare dei calciatori che in questi primi mesi hanno visto lievitare la loro valutazione. Probabilmente Florenzi e Marquinhos, forse Tachtsidis (anche se la comproprietà è stata pagata 2,5 milioni) visto che stanno trovando spazio nell’undici titolare. Tuttavia se si paragonano le loro affermazioni alla svalutazione di qualche big, il gioco sembra non pagare. Nell’assemblea dei soci di fine ottobre, l’ad Fenucci ha dichiarato che «il club ha rifiutato in estate offerte per oltre 100 milioni di euro per Lamela, Pjanic e De Rossi» (anche se i conti non tornano: 25 per il bosniaco, 20-25 per Daniele, possibile più di 50 per l’argentino, dopo l’opaca stagione dello scorso anno?, ndc). Qualora il nazionale azzurro e il bosniaco finissero sul mercato a gennaio, sarebbe automatico ricavare gli stessi soldi? I dubbi sono leciti. La notizia dello scarso feeling tra De Rossi e Zeman è arrivata anche a Parigi, Londra e Madrid, senza contare che il pugno rifilato a Mauri nel derby pesa non solo a livello disciplinare.

Un altro che ha visto scendere la sua quotazione è senza dubbio Pjanic, oramai divenuto un panchinaro di lusso. E’ chiaro che un centrocampista del suo tasso tecnico può piacere a diverse società ma appare difficile che ad esempio il Napoli possa pagare i 25 milioni offerti pochi mesi fa dal Tottenham. Chi ha certamente visto aumentare il costo del suo cartellino è Stekelenburg che nelle partite sin qui giocate ha subito due gol di media a gara, perdendo anche il posto in Nazionale. I 6,5 milioni spesi un anno e mezzo fa sono ora diventati una chimera: non è un caso che in estate l’unica offerta ricevuta sia stata intorno ai 2 milioni. Capitolo a parte, merita Destro. L’asta che si è scatenata per averlo, ha fatto in modo che la Roma lo strapagasse. Almeno per lui, però, come per Pjanic, il tempo si spera posa rivelarsi galantuomo.