Roma Calcio » AS Roma News » Lazio-Roma, allarme sicurezza nel giorno di Gabriele Sandri

Lazio-Roma, allarme sicurezza nel giorno di Gabriele Sandri

I tifosi greci infiltrati nella tifoseria giallorossa possono creare disordini

Ultras (repertorio)

LAZIO ROMA ALLARME SICUREZZA / ASROMALIVE.IT – Oggi è il giorno di Gabriele Sandri, il rischio è che non sia comunque un derby all’insegna della solidarietà come dovrebbe essere. Sul fronte della sicurezza scatta l’allarme soprattutto perché numerosi tifosi greci sarebbero rimasti nella Capitale dopo la partita giocata all’Olimpico tra Lazio e Panathinaikos. Le forze dell’ordine temono che gli ultrà ellenici possano infiltrarsi tra le opposte tifoserie capitoline e creare disordini. Nel mirino, visto che i tifosi del Panathinaikos sono gemellati con i romanisti, potrebbero esserci proprio i supporter biancocelesti. Proprio per questo, nel corso del tavolo tecnico organizzato ieri in Questura, è stato deciso l’impiego di oltre mille uomini delle forze dell’ordine che si occuperanno dei controlli nelle aree dello stadio e in quelle di scambio. Nel piano-sicurezza sono state coinvolte e hanno fatto partecipare i loro delegati alle riunioni delle forze dell’ordine. In attesa del fischio di inizio, già da ieri sono partite le bonifiche nell’area dell’Olimpico. Un’operazione-setaccio effettuata anche con i reparti cinofili alla ricerca di armi ed esplosivi nascosti tra le siepi da chi potrebbe usarle oggi prima e dopo la partita.

Il Sindaco di Roma Alemanno, che questa mattina ha partecipato alla cerimonia per il quinto anniversario della morte di Gabriele Sandri, ha dichiarato:“Oggi per una strana coincidenza ricordiamo Gabriele Sandri proprio nel giorno del derby Lazio-Roma. Il lavoro fatto in questi anni dalla Fondazione e il messaggio che è arrivato dalla morte di Gabriele ha contribuito molto più di tante altre cose a spegnere gli animi e a creare un atteggiamento costruttivo contro la violenza nello sport. Davanti alla vicenda di Sandri anche la persona più dura, più chiusa non può non rimanere toccata dal confronto tra questa persona così gioiosa e il gesto orribile e inaccettabile di chi lo ha ucciso. Quella di Sandri è una vicenda che Roma non vuole dimenticare. Tutta la città, non solo la famiglia, ha chiesto giustizia e la ha avuta. Oggi che è il giorno del derby il ricordo di Gabriele aiuti tutti quanti a vivere bene, positivamente, il tifo da stadio e possa permettere che sia un derby di amicizia, in cui ci si sentirà tutti quanti cittadini di Roma. E in questo parco potremo incontrare, nella purezza il nostro amico Gabriele”.