Roma Calcio » AS Roma News » Pescara-Roma, Caprari: “Zeman, che emozione”

Pescara-Roma, Caprari: “Zeman, che emozione”

L’ex Roma incontrerà il mister che lo ha valorizzato in B

Gianluca Caprari con la maglia del Pescara

PESCARA ROMA INTERVISTA CAPRARI / ASROMALIVE.IT – Prima ancora che contro la squadra che l’ha fatto arrivare in Serie A e che ancora detiene la metà del suo cartellino, Gianluca Caprari all’Adriatico giocherà contro tanta parte della sua vita, i sette anni e mezzo più sei mesi in cui il ragazzino timido che dribblava tutti è diventato uno dei migliori giovani del campionato. “Emozione? Eh, mica solo una. Tante emozioni, perché per me sarà una partita speciale. La Roma, Zeman…Non so immaginare come mi sentirò, queste le sue prime parole nell’intervista pubblicata oggi da Il Romanista.

Sei mesi dopo la doppietta alla Sampdoria che ha regalato al Pescara la promozione, Caprari è ancora lì: undici partite e il primo gol in Serie A (sempre ai blucerchiati), è lui una delle poche note positive di un inizio di stagione sconfortante quanto la classifica. Un brusco risveglio per uno che aveva chiuso da eroe i suoi primi sei mesi in Serie B, per quanto la fiducia di Stroppa non gli sia mai mancata (solo in due partite è rimasto in panchina). Zeman, ma anche Alessandro Florenzi, il capitano dello scudetto Primavera: “Non ci siamo ancora sentiti – ride Gianluca –, ma magari lo faremo nei prossimi giorni”. Gliel’avessero detto quella sera a Pistoia che diciotto mesi più tardi si sarebbero sfidati su un campo di Serie A, magari ci avrebbero anche creduto, ma solo per effetto dell’euforia. E dire che in prima squadra era arrivato prima Caprari, nonostante avesse due anni di meno perché Vincenzo Montella in lui ci credeva davvero, al punto che gli sarebbe piaciuto portarlo con sé a Catania.

Per convincere Bergodi a fargli giocare la sfida contro il suo passato, Gianluca ha ancora due giorni, tanto più che quello di ieri era soltanto il secondo allenamento agli ordini del nuovo tecnico. All’Adriatico la Roma troverà un Pescara con le spalle al muro, Caprari lo sa e per questo è pronto a mettere da parte anche tutte le emozioni: “Abbiamo undici punti in classifica, non posso permettermi distrazioni. Adesso sono un giocatore del Pescara e devo pensare soltanto a giocare. Se sarà una bella partita? Speriamo, certo anche la Roma ha bisogno di vincere”. Per tutto il resto ci sarà tempo al fischio finale, anche per riabbracciare Zeman. D’altra parte, il boemo e Caprari non hanno mai avuto bisogno di molte parole per capirsi: Zeman l’ha voluto, Gianluca gli si è affidato al punto che ogni volta che gli chiedono come sia stato lavorare con lui risponde sempre che “è il massimo per un attaccante, perché non devi fare altro che seguirlo”. Proprio così, e gli attaccanti giallorossi dovranno continuare a seguirlo anche domenica, per continuare la risalita.