Roma Calcio » AS Roma News » Atalanta, le ultime dichiarazioni sul “caso Stendardo”

Atalanta, le ultime dichiarazioni sul “caso Stendardo”

Colantuono e Petrucci in disaccordo tra loro

Guglielmo Stendardo

ATALANTA CASO STENDARDO / ASROMALIVE.IT – ”Il giocatore è venuto da me soltanto giovedì scorso per dirmi dell’esame – spiega Colantuono . E’ stata solo una questione di tempistica: me l’avesse chiesto prima, ci saremmo organizzati meglio. Invece si prospettava una settimana impegnativa e l’ho convocato lo stesso. Lui ha fatto la sua scelta”. Il tecnico dell’Atalanta ha cercato di fare chiarezza su Stendardo, che ha rifiutato la convocazione in Coppa Italia per sostenere l’esame da avvocato.”Mi dispiace perché Guglielmo è un giocatore importante per noi e l’ho voluto io all’Atalanta, ma nello spogliatoio ci sono regole valide per tutti”. Il tecnico degli orobici ha spiegato come questa fosse una settimana importante per la squadra (l’Atalanta ha affrontato la Roma in Coppa Italia e avrà di fronte la Juve in campionato) e che avrebbe preferito avere a disposizione anche il difensore.

Sulla vicenda è intervenuto anche il direttore generale nerazzurro, Pierpaolo Marino, che ha di fatto preso le parti del tecnico: ”C’è un regolamento interno, per i permessi bisogna chiedere all’allenatore e probabilmente ci saranno sanzioni – rimarca il braccio destro del presidente Antonio Percassi -. A me Stendardo aveva fatto presente la sua necessità un mese fa e io l’ho invitato a rivolgersi a Colantuono, cui spettava la decisione del caso. Il giocatore non va messo in croce, ma è difficile che giochi domenica contro la Juve dopo essere stato via tre giorni”.

“Si può punire un ragazzo solamente perché ha esercitato un suo diritto?”. Se lo chiede, retoricamente, il presidente del Coni Gianni Petrucci, che si schiera dalla parte di Gugliemo Stendardo.”Il calcio si prende troppo sul serio – ha detto Petrucci, a margine del Giro d’Onore – Come si può dire, di fronte a una specializzazione come l’esame d’avvocato, che esiste un contratto? Certo che c’é, ma dov’é il buonsenso? Va invece fatto un applauso a una persona che, oltre la laurea, vuole fare il passo successivo molto importante”Stendardo è stato criticato dal suo tecnico, Stefano Colantuono, ed è assai probabile che venga multato ed escluso anche per la gara di domenica con la Juventus. “Conosco bene il presidente Percassi – conclude Petrucci – e mi appello a lui. Siamo seri e sereni”.