Roma Calcio » AS Roma News » Non Solo Roma - Notizie delle altre squadre » Curiosità, arrestato negli Usa Mo Farah: colpa delle sue origini somale

Curiosità, arrestato negli Usa Mo Farah: colpa delle sue origini somale

L’inglese bicampione olimpico ha vissuto una brutta avventura

La gioia di Mo Farah alle Olimpiadi

La gioia di Mo Farah alle Olimpiadi

MO FARAH ARRESTATO / ASROMALIVE.IT – Incredibile disavventura per il bi-campione olimpico Mo Farah. L’atleta britannico, oro nei 5.000 e nei 10.000 metri a Londra 2012, è stato arrestato perché scambiato per un terrorista. A raccontarlo è il ‘Sun’. Farah è stato messo in stato di fermo all’arrivo all’aeroporto di Portland. “A causa delle mie origini somale ogni volta che mi presento alle autorità doganali americane vengo trattenuto alla frontiera e ho problemi”, ha raccontato.

“Questa volta mi ero portato perfino le mie due medaglie d’oro olimpiche per far capire chi sono, eppure non è servito”, ha raccontato ancora Farah, negli Usa con la famiglia per le vacanze di Natale. In passato il campione britannico ha tentato di ottenere un permesso di soggiorno, in quanto trascorre lunghi periodi negli States, proprio nei pressi di Portland e della sede del suo sponsor Nike, per allenarsi con il suo coach Alberto Salazar.

“Quella volta ero in Oregon con il visto turistico – ha proseguito – quindi ho dovuto lasciare il paese e poi rientrare come residente grazie al documento che il mio sponsor mi aveva procurato. Così sono volato per stare quattro giorni a Toronto, ma quando poi sono tornato a Portland mi hanno fermato e detto che ero sotto inchiesta per terrorismo, e che dovevo stare in stand-by, o tornare a Toronto, per almeno 90 giorni. Non sapevo come fare, avevo vestiti solo per 4 giorni e se non fosse stato per Salazar, che aveva un amico alla Fbi grande appassionato di atletica, solo Dio sa cosa sarebbe successo: probabilmente sarei ancora a Toronto”.