Roma Calcio » AS Roma News » Non Solo Roma - Notizie delle altre squadre » Premier League, lo United vince in extremis il derby di Manchester: 2-3

Premier League, lo United vince in extremis il derby di Manchester: 2-3

Decide Van Persie nei minuti di recupero. La partita, però, è stata contrassegnata da brutti episodi: ferito Rio Ferdinand con una moneta

I due tecnici Roberto Mancini e Alex Ferguson

PREMIER LEAGUE UNITED EXTREMIS DERBY MANCHESTER 2-3 / ASROMALIVE.IT – Ha deciso una rete di Van Persie, nei minuti di recupero, il derby tra Manchester City e Manchester United. La squadra di sir Alex Ferguson era andata al riposo addirittura sul 2 a 0 grazie ad una doppietta di Rooney. Gli uomini di Mancini, però, nella ripresa sono riusciti a rimontare con Yaya Tourè prima e con Zabaleta poi. Nel recupero, però, una punizione di Van Persie ha regalato il successo allo United.

A fine gara, però, un tifoso del City è entrato in campo con intenzioni non proprio pacifiche nei confronti di Rio Ferdinand. E’ stato il portiere ”citizens” Joe Hart a fermarlo. Il centrale della squadra di Ferguson, in precedenza, era stato anche colpito da una moneta su di un sopracciglio e aveva perso molto sangue. ”Sono cose che non dovrebbero mai accadere – ha detto Van Persie nel dopo gara – e mi dispiace molto aver dovuto vedere questa scena”. Sull’episodio è intervenuto anche lo stesso Ferguson alla Bbc: ”La facilità con cui la gente può tirare cose dagli spalti e ferirci sta diventando un problema. E’ davvero spiacevole vedere un sostenitore del City che riesce a entrare in campo con intenti bellicosi e poi le monetine tirate verso di noi. Ci era già successo contro il Chelsea, quel giorno verso di noi, dopo il nostro gol, ci era ‘volato’ addosso di tutto, perfino un seggiolino dello stadio”.

Poi, però, il tecnico del Manchester United ha parlato anche della gara: ”Il City non perdeva nel suo stadio da due anni, e poi è un nostro diretto concorrente per il titolo. E’ stata una partita bellissima, di quelle che avresti voluto continuare a vedere per chissà quante ore. Il nostro torto è stato di non averla ‘uccisa’ sul 2-0: avremmo dovuto segnare anche il terzo gol, e invece del 3-0 è arrivato il 2-1 e il match si è riaperto”.