Roma Calcio » AS Roma News » Radio, Lucchesi: “Conoscendo Zeman, sarà avvelenato per l’arbitraggio di Chievo-Roma”

Radio, Lucchesi: “Conoscendo Zeman, sarà avvelenato per l’arbitraggio di Chievo-Roma”

L’ex dirigente sulle ultime vicende giallorosse

Zdenek Zeman

LUCCHESI AS ROMA / ASROMALIVE.IT – Ha parlato l’ex ds giallorosso Fabrizio Lucchesi in merito ad alcune dinamiche in casa Roma: in primis il passaggio di testimone tra Mark Pannes e Italo Zanzi poi su questioni più prettamente calcistiche.

Questo il testo del suo intervento a Radio Ies:

Roma e Fiorentina: un giudizio sul loro campionato?
Una partita è sempre indicativa relativamente. Si può constatare, avendo giocato quasi tutto il girone d’andata, che la Fiorentina sta conducendo un campionato ben sopra le aspettative e con un gran calcio, mentre la Roma sta confermando adesso le aspettative di inizio stagione, affiancando alle belle prestazioni anche i risultati“.

Cosa pensa dell’arbitraggio di Chievo-Roma?
Conoscendo Zeman, sarà avvelenato. Ma se non vuole andare in conferenza stampa cosa vogliamo fare, andare dentro lo spogliatoio dell’arbitro? Certo, quando sono troppi, danno fastidio. Alla fine di un campionato la frase gli errori si compensano, non è mai vera“.

Zanzi nuovo CEO della Roma?
Non sono in grado di esprimermi in un giudizio, ma posso dire che non capisco dove iniziano i ruoli di qualcuno e terminano quelli di un altro. Probabilmente sono complementari tra loro per il government giallorosso“.

Sulla situazione di De Rossi?
Auspico il recupero del rapporto tra i due. Per come gioca Zeman e come è stata maturata questa storia, ero più ottimista un mese fa. Quello che è successo nell’ultimo periodo fa pensare ad un rapporto cristallizzato“.

Contatti con la Roma?
Io ho chiamato Baldini. Quando è arrivato il nuovo gruppo, conoscendo Franco e il mio amore per la Roma, gli dissi “se hai bisogno di una mano vengo molto volentieri”. Poi sono state fatte scelte diverse e come è normale che sia, sono un po’ dispiaciuto, ma sempre contento per la Roma. Mai detto no alla Roma, sarebbe impossibile. Conoscete qualche dirigente nel mondo del calcio che saprebbe dire di no alla Roma?“.

Pallotta?
Non lo conosco e non mi permetto di giudicare. Dico solamente che è una persona che mettendoci la faccia, ha la voglia di portare avanti il suo importante progetto“.