Roma Calcio » AS Roma News » Stadio Franco Sensi, Zavanella: ”La Roma non ci ha pagato per le prestazioni relative all’impianto”

Stadio Franco Sensi, Zavanella: ”La Roma non ci ha pagato per le prestazioni relative all’impianto”

Le dichiarazioni dell’architetto Gino Zavanella sul mancato pagamento, da parte della Roma, delle prestazioni relative al progetto per lo stadio ”Franco Sensi”

Una veduta dello stadio Olimpico di sera

Una veduta dello stadio Olimpico di sera

STADIO FRANCO SENSI ZAVANELLA ROMA PAGATO PRESTAZIONI IMPIANTO / ASROMALIVE.IT – Poco fa, Asromalive.it ha dato la notizia secondo la quale l’A.S.Roma sarebbe stata citata in giudizio dall’architetto Gino Zavanella e dalla Reconsult a causa del mancato pagamento delle prestazioni relative al progetto per lo stadio ”Franco Sensi”, che era stato presentato nel 2009 (clicca qui per leggere la notizia). A gazzettagiallorossa.it, lo stesso Zavanella ha approfondito la questione. Queste le sue parole:

Sinceramente di questa cosa non posso dire di più perché non me ne sto occupando io ma la sezione amministrativa

Tensione con la società giallorossa?
Credo che ormai sia risaputo che la Roma non ci ha pagato la parcella per le prestazioni relative all’impianto“.

Cosa è successo?
Noi abbiamo mandato diverse lettere per cercare un colloquio con la società giallorossa, ma dopo l’addio della presidenza Sensi, non abbiamo avuto più notizie. Le nostre lettere sono passate inosservate, il colloquio ci è stato platealmente rifiutato e la nostra amministrazione ha deciso di prendere questa strada, che per me era l’ultima che doveva essere scelta“.

E’ la prima volta che le succede una cosa del genere?
Si, e mi dispiace perché in 40 anni di carriera non mi era mai capitato, neanche quando ho lavorato con altre società di calcio“.

Era un progetto fantasma?
No, non era un progetto fantasma, visto che decine di professionisti ci hanno lavorato per oltre un anno. C’è stata una grande disinformazione su questa cosa. Il problema è che la Roma ha ricevuto un progetto sotto la gestione Sensi che è stato fatturato e mai pagato. E’ un problema etico e morale: un professionista non può fare un lavoro e poi vedersi sbattere la porta in faccia“.

Contatti con gli americani?
Non so se hanno pagato altri debiti, di certo non hanno pagato noi. Io con gli americani non ho mai avuto contatti. Ho incontrato due volte Fenucci, ma evidentemente non aveva nessun mandato per trattare con me“.

Contatti in questi giorni con Rosella Sensi?
No, con nessuno“.