Roma Calcio » A- Senza categoria » Diario del giorno, Ritorno in patria con molti sorrisi e la smorfia Osvaldo

Diario del giorno, Ritorno in patria con molti sorrisi e la smorfia Osvaldo

Resoconto della giornata giallorossa

Tramonto capitolino

Tramonto capitolino

DIARIO DEL GIORNO / ASROMALIVE.IT – I giallorossi tornano in serata a Roma, per serata si intende quella americana (il volo partirà per Fiumicino poco prima delle 23 ora locale), dopo la brillante quanto facile vittoria nell’amichevole contro l’Orlando City per 5-0. Nel “friendly match” che ha concluso la tournèe americana natalizia, chiamata ufficialmente Winter Training, a segno Lamela per due volte, Pjanic, Destro e nel secondo tempo Florenzi. Così la squadra di Zeman, grande protagonista del nuovo esilarante spot Volkswagen, si è facilmente sbarazzata della modesta compagine americana, squadra nata nel vicinissimo 2010 e con ancora molta strada da fare. Se in aereo ci saranno solo sorrisi dal punto di vista tecnico e atletico, non saranno ugualmente pronunciati per quanto riguarda il mercato. Si teme un addio di Osvaldo dopo l’oscura vicenda che lo ha portato ad abdicare al viaggio intercontinentale. Tremori anche per Destro, l’agente del quale spinge implicitamente per farlo giocare tramite deboli minacce, e per Stekelenburg che annuncia una fumata nera o bianca al ritorno dalla Florida. Anche Marquinho vicino all’addio, o all’arrivederci, destinazione Palermo di Lo Monaco che sta spingendo diplomaticamente per il centrocampista. In entrata piace il giovane attaccante brasiliano Luan, e mentre si allontana Granqvist, Ilicic spende belle parole per la capitale non nascondendo di gradire un futuro capitolino. Dulcis in fundo continua il buon momento di immagine della nuova dirigenza che non solo apprende di essere la terza società numero di spettatori dall’inizio della stagione, ma riceve anche la sponsorizzazione verbale di una vera e propria leggenda dello sport. Ray Allen, miglior tiratore da tre della storia della Nba, elogia Pallotta dichiarando che “farà crescere la Roma perchè è un tipo affidabile”. Insomma, tolto il caso Osvaldo sarebbe una giornata pacificamente perfetta, con l’autografo finale di un Totti esilarante a bordo campo che prima di entrare esclama: “speriamo che la palla non esca mai”.

Francesco Cianfarani