Roma Calcio » AS Roma News » Fiorentina – Roma, il meglio e il peggio. De Rossi torna leader, Balzaretti fuori forma

Fiorentina – Roma, il meglio e il peggio. De Rossi torna leader, Balzaretti fuori forma

I migliori ed i peggiori nelle fila giallorosse di ieri sera

Fiorentina-Roma 0-1

Fiorentina-Roma 0-1

FIORENTINA ROMA MEGLIO PEGGIO / ASROMALIVE.IT – Una vittoria sudata e meritata quella della Roma contro la Fiorentina, che fa accedere i giallorossi alle semifinali di Coppa Italia e li avvicina anche ad un ingresso diretto alle competizioni europee per la prossima stagione. Il cambio di modulo, con l’avvento della difesa a 3, pare aver giovato agli uomini di Zeman, più sicuri e coperti rispetto alle ultime gare. Andiamo ora a vedere i più brillanti ed i meno positivi della vittoria di misura del Franchi.

Il meglio:

DE ROSSI: niente da fare, il ruolo in cui capitan futuro si esprime meglio è quello di mediano in un centrocampo a quattro, come nel luminoso periodo con Spalletti. Ieri Zeman gli restituisce le chiavi del centrocampo e lui risponde da leader, sbagliando poco e niente, tenendo la squadra sempre corta e soffrendo la pressione avversaria solo nel concitato finale dei supplementari. Una bella conferma. VOTO 7+

DESTRO: Non solo il gol. L’attaccante marchigiano, pur attraversando un momento delicato dal punto di vista umorale, si è battuto come un leone, da attaccante completo e navigato, mettendo da solo in difficoltà Rodriguez e compagni. Meriterebbe il gol già nel primo tempo dopo uno splendido allungo terminato a fil di palo, ma la gioia è dietro l’angolo e tutta meritata. VOTO 7

Il peggio:

BALZARETTI: Non è in forma e si vede; nel 3-4-3 schierato a sorpresa da Zeman servirebbe gamba e continuità di corsa, ma il terzino ex Palermo non sembra poter accontentare i dettami tattici per via anche di un risentimento muscolare che lo ha bloccato negli scorsi giorni. E’ generoso, ma impreciso e poco lucido. VOTO 5,5

TADDEI: Entra in gara per far fiatare lo stanco Piris e ci si aspetta più corsa e rapidità dal brasiliano, che però smentisce tutti in negativo. Lento, impacciato e soprattutto nervoso, cade nelle provocazioni avversarie e nel finale lascia la Roma in dieci per una doppia ammonizione decisamente evitabile. VOTO 5

Keivan Karimi