Roma Calcio » AS Roma News » Mercato, Canovi: “La Roma non può permettersi Stek in panchina, a questo punto meglio darlo via”

Mercato, Canovi: “La Roma non può permettersi Stek in panchina, a questo punto meglio darlo via”

Il decano dei procuratori dice la sua anche su Marquinho

Dario Canovi

Dario Canovi

CANOVI SU STEK / ASROMALIVE.IT – Il noto agente FIFA Dario Canovi, in esclusiva a Romanews.eu, parla delle possibili cessioni in casa Roma e della situazione del mercato giallorosso.

Oggi si apre ufficialmente la finestra di mercato invernale della Serie A. Una possibile operazione in casa Roma è quella di Marquinho al Palermo: secondo lei è un’operazione fattibile?
“Fattibile sì, perché no, il Palermo ha bisogno di centrocampisti. Non so se la Roma sia intenzionata a privarsene, mi sembrerebbe un po’ strano. La Roma ha una buona rosa ma cedere alcuni giocatori significherebbe impoverirla in un momento in cui non sarebbe opportuno. Con la cessione di Marquinho la Roma perde un elemento valido che ha anche dimostrato molto”.

Un’altra possibile partenza è quella di Stekelenburg che con Zeman ormai è diventato il secondo portiere per far posto a Goicoechea. La Roma fa bene a farlo partire?
“Secondo me visti gli ultimi sviluppi della situazione portiere mi sembra giusto che lui si cerchi altre soluzioni e che la Roma lo ceda. Far fare il secondo portiere a Stekelenburg è un lusso che la Roma non può permettersi, nessuna squadra può permetterselo. E’ uno dei migliori portieri europei. Se Zeman ha scelto un’altro portiere è giusto che vada via”.

La Roma dopo la vittoria contro il Milan è ritornata prepotentemente a combattere per il terzo posto. Ha bisogno di qualche rinforzo?
Sabatini è molto più esperto di me ad individuare i giocatori e non ha bisogno dei miei consigli. Alla Roma serve sicuramente un difensore centrale, soprattutto se dovesse andar via Burdisso sarebbero due i centrali da acquistare. A mio avviso anche un sostituto di Piris, sebbene ultimamente abbia giocato delle buone partite, ma serve un’alternativa importante”.