Roma Calcio » AS Roma News » Roma, Giannini: “Questa squadra è stata la mia vita. Come per Conti e Totti”

Roma, Giannini: “Questa squadra è stata la mia vita. Come per Conti e Totti”

Le dichiarazioni del “Principe”, che vestì la maglia della Roma dal 1981 al 1996, riportate dal sito ufficiale della squadra

L'ex calciatore Giuseppe Giannini

L’ex calciatore Giuseppe Giannini

ROMA GIANNINI SQUADRA VITA CONTI TOTTI / ASROMALIVE.IT – Tramite il proprio sito ufficiale, l’A.S.Roma ha pubblicato un’intervista a Giuseppe Giannini, capitano giallorosso degli anni ’80. Queste le sue parole:

Che sensazioni dà tornare da protagonisti?
Le emozioni sono difficili da spiegare. Ogni volta che ti presenti davanti quel settore e vedi quei colori, quelle bandiere, la mente torna indietro agli anni che mi hanno regalato soddisfazioni nonostante momenti belli e altri meno. È importante celebrare gli ex in questo modo, solo chi ricorda il passato può far bene nel presente“.

Frequenti spesso lo stadio da tifoso?
No, ma sono venuto di recente per la Hall of Fame“.

Una cartolina dei tuoi anni che ti porti dietro?
L’esultanza a fine partita dopo il derby del 3-0, vinto con i gol di Balbo, Cappioli e Fonseca, è la prima a cui mi viene da pensare, ma ce ne sono tantissime altre“.

Tipo le lacrime dopo il gol al Foggia?
Esatto, un altro momento bellissimo: era una di quelle stagioni sfortunate, in cui non andava bene niente. Arrivò quella palla, la controllai e la tirai verso la porta senza neanche pensarci. Andò dentro e, per noi, quella rete rappresentò una vera e propria liberazione, la zona retrocessione la allontanammo definitivamente e riuscimmo addirittura a sfiorare la qualificazione in Europa. Un gol, quello di Foggia, che mi ha ricordato quello di Destro dell’altra sera a Firenze. Spero che da lì riparta la stagione giallorossa“.

Cosa è stata per te la Roma?
Tutto, la mia vita, come anche per Bruno Conti e Totti. Essere simbolo e capitano della Roma significa avere tante responsabilità unite a amore e passione. Quando hai un ruolo di questo tipo non puoi permetterti atteggiamenti e comportamenti sbagliati. Io ho cercato sempre di rappresentare la mia società nel migliore dei modi, in ogni sede, e di dare tutto per questa maglia. Essere menzionati ancora oggi è già di per sé uno straordinario trofeo. È come essere un leader di un partito politico, che viene ricordato nel tempo“.