Roma Calcio » AS Roma News » Non Solo Roma - Notizie delle altre squadre » Cronaca, Pistorius: ora l’accusa è di omicidio premeditato

Cronaca, Pistorius: ora l’accusa è di omicidio premeditato

Si aggravano le accuse contro il fenomenale atleta

Le lacrime di Oscar Pistorius alla lettura della sentenza

Le lacrime di Oscar Pistorius alla lettura della sentenza

PISTORIUS / ASROMALIVE.IT – Lacrime che solcano il viso di uomo distrutto. E’ questa l’immagine dell’Oscar Pistorius che ascolta tremante la conferma del capo d’accusa da parte del giudice Desmond Nair: omicidio premeditato.

Arrivato alle prime ore del mattino, l’atleta sudafricano è stato accolto dai familiari: presenti, infatti, la sorella Aimee e soprattutto il padre Henke che ha abbracciato il figlio per poi appoggiargli una mano sulla spalla in segno di sostegno.

Pistorius ha assistito tremante e con le mani sul volto tutta l’udienza prima di scoppiare in lacrime al momento della conferma del capo d’accusa che non è dunque di omicidio volontario, ma addirittura di omicidio premeditato. Questa la parola pronunciata dal giudice, confermata dai tutti i giornalisti presenti in aula.

Il giudice Desmond Nair ha infine accolto la richiesta dei legali di Oscar Pistorius, aggiornando l’udienza preliminare a martedì 19 febbraio per consentire alla difesa di preparare la richiesta di rilascio su cauzione. L’atleta, però, rimarrà fino ad allora sotto custodia alla stazione di polizia di Brooklyn, a Pretoria.

“La morte dietro la porta”, questo il titolo dell’articolo pubblicato sul quotidiano sudafricano “Beeld” che sostiene come Reeva Steenkamp sia stata raggiunta dai quattro colpi d’arma da fuoco sparati da Pistorius attraverso la porta del bagno. Il corpo della fidanzata dell’atleta sarebbe stato trovato in bagno, con ferite alla testa, al petto, all’inguine e alla mano. Stando invece a un altro quotidiano, “The Star”, il corpo della 30enne ex modella sarebbe stato invece trovato ai piedi della scala della residenza di Pistorius. Il campione paralimpico è ovviamente il protagonista delle prime pagine di tutti i quotidiani locali e c’è chi, come il “Citizen”, lo ha ribattezzato “Blade Gunner”.

Non è ancora finita. Oscar Pistorius respinge “fermamente” l’accusa di omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp che gli è stata formalmente mossa dalla giustizia sudafricana: lo affermano in maniera decisa in una nota la famiglia e l’agente dell’atleta paralimpico.

“Oscar Pistorius è comparso oggi davanti al tribunale di Pretoria ed è stato formalmente incriminato per l’omicidio di Reeva Steekamp. Questo presunto omicidio è contestato nel modo più assoluto”, si legge. “Gli avvocati che rappresentano l’atleta hanno domandato il rinvio della procedura di domanda di liberazione sotto cauzione sino a martedì al fine di avere il tempo per poter condurre la propria indagine circa le circostanze della tragedia”, aggiungono nella note. Oscar Pistorius ha “chiaramente precisato che voleva rendersi partecipe del lutto della famiglia di Reeva. (…) I nostri pensieri e le preghiere vanno a Reeva e alla sua famiglia, quali che siano le circostanze di questa terribile, terribile tragedia”.