Roma Calcio » AS Roma News » Roma, le dichiarazioni di Abete, Canovi e Raiola su Zeman e ciò che ne seguirà

Roma, le dichiarazioni di Abete, Canovi e Raiola su Zeman e ciò che ne seguirà

Per Canovi Spalletti non tornerà alla Roma

Giancarlo Abete

Giancarlo Abete

ABETE E CANOVI SU ZEMAN / ASROMALIVE.IT – Continuano le dichiarazioni riguardo l’esonero di Zeman. Questa volta è il turno di Abete, Canovi e Raiola. Soprattutto il secondo ha anche delle rivelazioni interessanti da fare.

Tuttomercatoweb riporta le parole del presidente federale Giancarlo Abete, che ha parlato dell’esonero di Zeman: “Zeman? Bisogna sempre comprendere che persone di calcio, tecnici di qualità come Zeman danno valore aggiunto al campionato italiano. Detto questo ci sono dei risultati che portano ad assumere delle decisioni. Quello che è accaduto a Zeman è accaduto a tanti altri allenatori. Zeman rimane comunque un uomo di calcio, una persona che alimenta il dibattito sia tecnico che comportamentale del mondo del calcio, quindi è un valore aggiunto”.

Grande conoscitore dell’ambiente Roma, l’agente Alessandro Canovi fa il punto sul dopo-Zeman per lo stesso portale, aggiungendo però interessanti rivelazioni. L’esonero era nell’aria, si era creata troppa incertezza. E’ stato semplicemente accelerato il tutto, ma la situazione si era rotta, sia con la società che con alcuni senatori. Le tre componenti non andavano d’accordo, ma credo che adesso, con Andreazzoli, non sia solo una soluzione temporanea: avanti sino a giugno, poi cercheranno un nuovo tecnico. Spalletti? Non è automatico che siccome c’è un suo uomo venga lui, anzi: non credo possa tornare, perché ama avere sì un dg ma non un ds, perché allo Zenit ricopre di fatto entrambe le cariche… Rivoluzione in dirigenza? Sabatini è in scadenza, da tanto si parla di Sampdoria ma credo sia prematuro parlarne“.

L’agente Fifa Mino Raiola, intervenuto ai microfoni di Radio Radio, parlando dell’esonero di Zeman ha detto: “Ci sono rimasto male. Io ho sempre creduto che i proprietari della Roma abbiano fatto benissimo a mettere il loro progetto in mano a Baldini, Sabatini e Zeman. Può capitare un anno storto, ma avete visto il Milan? Basta poco per raddrizzare le cose. E alla lunga il lavoro di Zeman avrebbe portato i suoi frutti. Le somme si tirano sempre a fine campionato”